“Priorità mantenere aperti i tribunali di Elba, Ischia e Lipari”

L’Organismo Congressuale Forense: "Non è pensabile sopprimere la giustizia insulare"

Le sedi distaccate di tribunale dell’Elba, di Ischia e Lipari rischiano di chiudere
al 31.12.2022 se il Parlamento non approverà una proroga, in analogia con quella già
disposta per i tribunali “minori” abruzzesi, che deroghi alla c.d. riforma della geografia
giudiziaria.
Le condizioni di obiettiva e grave difficoltà che saranno imposte in caso di
chiusura agli utenti della giustizia, cittadini e avvocati, determinano l’Organismo
Congressuale Forense a chiedere con forza alla politica (governo, parlamento e
regioni interessate) di intervenire con urgenza sul punto, a garanzia dell’accesso alla
giustizia dei cittadini insulari.
Per Sergio Paparo, coordinatore OCF: “Non è pensabile sopprimere la giustizia
“insulare”, proprio mentre stiamo uscendo da un’emergenza pandemica che ha
accresciuto la sofferenza per un servizio già in affanno. Adesso è il momento del
rilancio della giustizia in tutti i modi, anche rafforzando la cosiddetta giurisdizione “di
prossimità”. Uno Stato davvero attento ai bisogni dei suoi cittadini non sacrifica i
diritti di interi segmenti della popolazione per esigenze di puro efficientismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"