Video - intervista

Isola d’Elba, problemi nel reperire personale negli alberghi

De Ferrari:" Una soluzione con profughi Ucraini a cui daremo anche alloggio per parenti"

Già nel tempo pre pandemia era difficile reperire personale per le strutture ricettive ma non solo all’isola d’Elba. Varie le figure ricercate, con svariate mansioni, camerieri, bagnini, personale per le camere ma anche ragionieri e segretarie. Massimo De Ferrari presidente dell’Associazione Albergatori dell’Elba racconta ai microfoni di “Elbapress” come è la situazione attuale e come si è evoluta la richiesta di personale anche straniero e in modo particolare adesso che sono molti i profughi ucraini in fuga dalla guerra. Si tratta prevalentemente di donne spesso con i figli e parenti per le quali è necessario farsi carico anche dell’assistenza ai bambini, dell’alloggio e non solo per il periodo lavorativo.
Ecco l’intervista a Massimo de Ferrari

2 risposte a “Isola d’Elba, problemi nel reperire personale negli alberghi

  1. Sembrerebbe lodevole…..ma trovo a dir poco scandaloso il fatto di voler apparire altruisti. Noi Elbani “stagionali” sappiamo bene perché è difficile trovare personale negli alberghi. Per decenni ci hanno sfruttato con contratti ridicoli, tipo 4 ore part time con giorno di riposo etc., e poi invece dovevi lavorare il doppio delle ore senza riposo per pochi soldi. C’era anche chi ti sospende a il contratto in bassa stagione, senza paga, per riprenderti quando ritornavano gli ospiti.
    Bagnini che vengono assunti come aiuto- bagnino ma che in realtà servono solo a pulire i gabinetti dello stabilimento.
    Se per caso ti rivolgi al titolare con la richiesta del giorno di riposo che ti dovrebbe spettare vieni trattato da infame rubastipendio e guarda che davanti alla porta ce ne sono dieci stranieri che potrei chiamare per metà della tua paga….
    Lavorare in un clima di paura non fa bene a nessuno, specialmente per il personale femminile che deve anche gestire certe attenzioni non gradite. Non è il personale qualificato che manca all’Elba, ma sono titolari onesti.

  2. Sembrerebbe lodevole…..ma trovo a dir poco scandaloso il fatto di voler apparire altruisti. Noi Elbani “stagionali” sappiamo bene perché è difficile trovare personale negli alberghi. Per decenni ci hanno sfruttato con contratti ridicoli, tipo 4 ore part time con giorno di riposo etc., e poi invece dovevi lavorare il doppio delle ore senza riposo per pochi soldi. C’era anche chi ti sospendeva il contratto in bassa stagione, senza paga, per riprenderti quando ritornavano gli ospiti.
    Bagnini che vengono assunti come aiuto- bagnino ma che in realtà servono solo a pulire i gabinetti dello stabilimento.
    Se per caso ti rivolgi al titolare con la richiesta del giorno di riposo che ti dovrebbe spettare vieni trattato da infame rubastipendio e guarda che davanti alla porta ce ne sono dieci stranieri che potrei chiamare per metà della tua paga….
    Lavorare in un clima di paura non fa bene a nessuno, specialmente per il personale femminile che deve anche gestire certe attenzioni non gradite. Non è il personale qualificato che manca all’Elba, ma sono titolari onesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Cisterna fuori strada a Bagnaia, bonificata la zona

Soltanto oggi sono terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco iniziate mercoledì

Pesca ricci di mare, 41mila euro di sanzioni della Capitaneria

Oltre 20mila esemplari sequestrati, gli echinodermi vivi sono stati rilasciati in mare

Santina Berti:” Obiettivi raggiunti anche con gli eventi estivi”

L’assessore alla cultura e istruzione, traccia un bilancio di cinque anni di governo