L'intervento

Lettera al sindaco sul rilascio Concessione Porto di Campo

di Scelta di Campo Il capogruppo Giancarlo Galli

GianCarlo galli

Lettera aperta al Sindaco sul rilascio Concessione gestione Porto Marina di Campo
Egr. Sig. Sindaco,
la parola “FINALMENTE” che ha utilizzato per portare a conoscenza la cittadinanza sull’assegnazione della concessione per la gestione dei servizi al Porto di Marina di Campo, è a dir poco un’esclamazione ipocrita che dice tutto su come il raggiungimento di tale obbiettivo sia arrivato alla conclusione.
Premetto che non si discute sia sulla professionalità, la serietà e l’affidabilità della società aggiudicataria e la necessità di regolamentare i servizi del porto sia a mare che a terra, ma si evidenziano le contraddizioni fra quanto stabilito nel bando della “procedura aperta per l’assentimento in concessione di uno specchio acqueo compreso nel Porto di Marina di Campo …………………………” e quanto invece concesso e pubblicato in via definitiva sull’albo pretorio del Comune di Campo nell’Elba in data 04/03/2022 .
La prima contestazione riguarda la mancata partecipazione sia di quanti operano ed avrebbero avuto interesse a partecipare alla gara perché esclusi dall’origine sia per discutere i modi ed i termini concordati per la redazione condivisa del bando. La limitazione ai soli operatori commerciali rispetto alle Associazioni, che sul nostro territorio sono sicuramente solide e strutturate da garantire ogni forma di tutela e garanzia, in considerazione al fatto che pur essendo associazioni, la legge consente loro di poter svolgere anche attività di carattere commerciale, ha pregiudicato una esclusione a soggetti che operano già da tantissimi anni sul nostro territorio con estremo sacrificio e con piene garanzie.
La seconda contestazione viene mossa per la differenza riscontrata nella diversità delle tariffe applicate rispetto alle tariffe originariamente pubblicate. Infatti mentre in prima istanza si parla di importi totali, diversificati per le caratteristiche dei natanti, nella convenzione definitiva le tariffe vengono maggiorate sia dell’I.V.A. che della Tari aumentando del 22% la prima, e con l’incognita della seconda che non può allo stato attuale essere quantificata rischiando di far pagare delle cifre spropositate agli utenti.
La terza contestazione riguarda la lettera A comma 2 del disciplinare allegato alla concessione rispetto a quanto riportato tra le informazioni generali alla fine del periodo del secondo capoverso. La limitazione non è stabilito ad otto metri ma nel disciplinare approvato e pubblicato vengono indicate imbarcazioni superiori a 6 metri senza indicare una lunghezza massima.
Altra contestazione viene mossa sul numero dei posti disponibili rispetto agi attuali concessi con il famoso “bollino di residenza. Da una sommaria ricostruzione cartografica allegata alla concessione, si riscontra una diminuzione dei posti barca dei residenti rispetto a quanti sarebbero coloro che già avevano ottenuto l’autorizzazione all’ormeggio a favore di posti concessi al gestore.
Non si comprende pertanto quale entusiasmo possa generare una simile conclusione.
Infine vorrei sottolineare al Sig. Sindaco che il mio intervento è frutto di un’analisi effettuata sulla documentazione e non su chiacchere o su illazioni.
Le chiacchere e le illazioni le lascio a chi ha tempo da perdere e per l’ennesima volta si sta perdendo un’occasione di buona amministrazione dimostrando solo arroganza, presunzione ed impreparazione della macchina amministrativa.
Colgo l’occasione per porgere cordiali saluti.
Per il gruppo di opposizione Scelta di Campo Il capogruppo Giancarlo Galli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Cisterna fuori strada a Bagnaia, bonificata la zona

Soltanto domenica sono terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco iniziate mercoledì

Pesca ricci di mare, 41mila euro di sanzioni della Capitaneria

Oltre 20mila esemplari sequestrati, gli echinodermi vivi sono stati rilasciati in mare

Santina Berti:” Obiettivi raggiunti anche con gli eventi estivi”

L’assessore alla cultura e istruzione, traccia un bilancio di cinque anni di governo