Profuga ucraina con due bambini in arrivo all’Elba

Il viaggio organizzato da Insieme per l'Elba. Oggi briefing in comune a Portoferraio

Una profuga ucraina con i suoi due figli, un bambino ed una bambina, è in arrivo oggi all’Isola d’Elba proveniente da un campo profughi della Polonia. Un viaggio organizzato dall’associazione Insieme per l’Elba che domenica sera alle 18.15 ha  inviato un mezzo, messo a disposizione da un privato, ad un centro di accoglienza al confine polacco con l’Ucraina. La spedizione, composta da quattro elbani volontari dell’associazione, è arrivata sul posto ieri mattina e subito dopo poche ore è ripartita alla volta dell’isola con a bordo la donna e i suoi bambini. Saranno ospitati nella casa rifugio Samyra. Intanto continua la raccolta dei generi di prima necessità, compresi alimenti e farmaci, da parte delle varie associazioni elbane. Non conosce tregua il lavoro della Caritas del Duomo e della comunità ucraina che a villa Biagini a Portoferraio ha ormai stoccato materiali per riempire altri furgoni per la popolazione Ucraina. A breve da Portoferraio è prevista un’altra spedizione, anche se non è detto che sia con le stesse modalità precedenti. Tra le ipotesi al vaglio anche quella di collegarsi ad altre associazioni che nei prossimi giorni partiranno dal continente con tir verso frontiere con l’Ucraina.
Intanto anche sull’isola continuano gli arrivi di donne e bambini in fuga dalla guerra. Portoferraio si sta organizzando per avere il quadro degli arrivi e delle dislocazioni e proprio nel pomeriggio di oggi è previsto un briefing con la protezione civile, il comitato operativo, le associazioni di volontariato, la Asl e lo sportello immigrazione “per fare un punto e provare a gestire la situazione “ fa sapere il sindaco, Angelo Zini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Cisterna fuori strada a Bagnaia, bonificata la zona

Soltanto oggi sono terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco iniziate mercoledì

Pesca ricci di mare, 41mila euro di sanzioni della Capitaneria

Oltre 20mila esemplari sequestrati, gli echinodermi vivi sono stati rilasciati in mare

Santina Berti:” Obiettivi raggiunti anche con gli eventi estivi”

L’assessore alla cultura e istruzione, traccia un bilancio di cinque anni di governo