Isola d'Elba

La cucina elbana citata dagli esperti del “The Guardian”

Protagonisti i piatti della tradizione isolana e l'eccellenza dei nostri prodotti locali

portoferraio

In un articolo del 27 gennaio, la versione web del prestigioso giornale britannico “The Guardian” ha chiesto a venti chef e critici enogastronomici quali sarebbero stati i loro “dream meals”, i loro “piatti da sogno”, da assaggiare assolutamente in giro per l’Europa in questo 2024.

Tra una torta al rabarbaro in Romania e una capra arrosto in Grecia, una capatina nelle Langhe per un bicchiere di vino e una in Sardegna per una grattugiata di bottarga, ecco che spunta il profilo dolce della darsena di Portoferraio, con quel mare cristallino e quel faro che avvisa le navi che siamo arrivati nella perla del mar Tirreno.

Sophie Allen, editor della casa editrice Quadrille, specializzata in “food and drink”, è stata ospite della nostra isola più volte, e, come sua abitudine quando viaggia, ha cercato di assaporare i piatti della tradizione enogastronomica elbana, cucinati con prodotti possibilmente local e a km0. E’ così approdata sulla spiaggia longonese di Barbarossa, all’Osteria Moresca, dove le sue papille gustative sono andate a nozze con le acciughe fresche, le porzioni abbondanti di spaghetti con le vongole e il vino frizzante, prodotto dalle aziende agricole elbane.

Aziende come l'”Agricola Piano B” di Schiopparello, scoperta da Allen durante uno dei suoi viaggi all’Elba, di cui ha apprezzato particolarmente i vini e il vermouth, sorseggiati nel piccolo bar aperto da Simone, uno dei proprietari, nel suo giardino.

Fortemente raccomandata da Allen anche una pizza da gustare sotto l’albero di fico dell’Emanuel Beach Bar, locale che si affaccia proprio sulla spiaggia dell’Enfola, una delle più note e frequentate di Portoferraio.

La sera, immancabile una bella gita nel centro storico della città fondata da Cosimo de’ Medici per un gelato alla “Gelateria La Gran Guardia”: Allen consiglia il gusto ricotta e fichi, il suo preferito in assoluto.

“E’ un bel viaggio arrivare all’Elba – devi arrivare fino a Piombino da Pisa o Roma (con l’aereo, ndr), poi prendere il traghetto – ma ne vale la pena” scrive Sophie Allen nel suo intervento. “Il panorama dell’isola d’Elba è sbalorditivo e così anche la cucina”.

2 risposte a “La cucina elbana citata dagli esperti del “The Guardian”

  1. Luciano Andreotti Rispondi

    Da non perdere una cena a Rio Marina alla trattoria Il Mare
    Strepitoso il piatto “la libecciata” .

    31 Gennaio 2024 alle 22:53

  2. Adams virginia Rispondi

    The Guardian è un prestigioso giornale inglese non è americano

    31 Gennaio 2024 alle 9:23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Scuola di dolci sardi con le donne del circolo “Bruno Cucca”

Sabato 10, un laboratorio per imparare a cucinare “is arrubiolus” e i ravioli di ricotta