A Portoferraio gli Stati Generali del Turismo Sostenibile

Il 5 ottobre il convegno "Strategie & progetti per il turismo dell’Isola d’Elba

La stagione turistica di quest’anno non ha fatto registrare la sperata normalità, a cui eravamo abituati prima del Covid. Occorre responsabilmente tirare le somme e valutare i  risultati, comparandoli con altre destinazioni turistiche e con il contesto socio-economico e politico che stiamo attraversando.

Per questo, serve un’attenta analisi dei punti di forza e di debolezza elbani in termini di attrattività ed offerta turistica, e successivamente avviare un serrato confronto tra gli operatori del settore, la G.A.T. (Gestione Associata del Turismo) e le istituzioni, per concordare  un percorso di sviluppo sostenibile ed orientato alle nuove esigenze di mercato.

Un progetto di “sviluppo sostenibile” deve essere improntato ad una intelligente coniugazione di fattori, con alla base la salvaguardia ambientale e naturalistica, la morfologia del territorio, l’insularità, le attività economiche presenti sull’isola, le infrastrutture esistenti comprese le relative lacune e le esigenze della comunità elbana. Una visione allargata e moderna che possa armonizzare tutti questi aspetti, per  progettare l’Elba dei prossimi anni.

È con questi obiettivi che AssocomElba e Confindustria organizzano il convengo: “Isola d’Elba: Stati generali del turismo sostenibile”, che si terrà a Portoferraio giovedì 5 ottobre, con la partecipazione delle organizzazioni nazionali di Federturismo Confindustria, Assomarinas, Confindustria Alberghi e Confindustria Nautica, che collaboreranno alla costruzione del progetto di sviluppo turistico sostenibile.

Il presidente della Confindustria LI MS, Cav. Lav. Dott. Piero Neri, sottolineando lo spirito innovativo dell’aggregazione, ha sostenuto: “Poiché stiamo attraversando una fase di importanti cambiamenti del tessuto economico, in particolare nei territori della fascia costiera della Toscana, abbiamo condiviso il progetto di un’importante componente dell’imprenditoria dell’Isola d’Elba, rappresentata da AssocomElba. Il progetto infatti si coniuga bene con l’aggregazione che a fine anno concluderemo con la Confindustria di Firenze. Le attività economiche della nostra regione hanno bisogno di sfide innovative per integrare le specificità che caratterizzano la manifattura  e i servizi per lo sviluppo del turismo”.

L’Associazione del Commercio, Turismo e Servizi dell’Isola d’Elba, AssocomElba, che da decenni annovera tra i propri soci moltissime imprese del territorio, con la recente aggregazione a Confindustria Livorno Massa Carrara intende promuovere l’economia elbana attraverso progetti, proposte ed azioni concrete che ne sostengano la crescita in un’ottica di qualità e di sana competizione con le più rinomate località turistiche internazionali”

Ha infatti dichiarato la presidente di AssocomElba Franca Rosso: “Nell’ambito del convegno verranno presentati i dati congiunturali emersi da una survey rivolta a tutti gli operatori turistici dell’isola, per analizzare l’andamento della stagione estiva, da aprile a settembre 2023 ed il progetto “Elba 2030”, frutto del lavoro di un gruppo di imprenditori elbani, che individua le direttrici e le principali leve sulle quali agire, gettando le basi per una prospettiva di sviluppo sostenibile. Trattasi di un progetto aperto e suscettibile di implementazione, che intende rappresentare un utile stimolo per ulteriori riflessioni e scelte. È pertanto importante la partecipazione al convegno  degli imprenditori elbani, insieme alle istituzioni politico-amministrative, per avviare tutti insieme un percorso di crescita condivisa per il futuro della nostra isola. Un appuntamento ed una sfida alla quale non possiamo mancare!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Arsenale delle Galeazze: priorità alla messa in sicurezza

Incontro fra Comune e Parco, spazio anche per la valorizzazione di tipicità elbane

Sciopero! Navi Toremar bloccate domenica 21 luglio

I sindacati: "Pronti a tutto per difendere i 260 posti di lavoro, sarà un'estate di proteste"