Covid, il convegno scolastico viene spostato on line

‘Educare alla parità e al valore delle differenze’ si terrà il 25 e 26 marzo. Le modalità

La Presidente della Conferenza Zonale Educazione e Scuola Chiara Marotti, in accordo con il coordinamento pedagogico zonale, ha deciso, vista la situazione di contagi da C-19 diffusa su tutta l’Isola, di ripensare in modalità on-line il convegno . Il progetto formativo, programmato per il prossimo 25 e 26 marzo, fortemente voluto dalla Conferenza Zonale all’interno del piano educativo 2021- 2022 ed in sinergia con l’Università di Firenze, è aperto a tutti gli educatori, docenti e famiglie interessate al tema. Venerdì 25 marzo alle 16,45 avrà inizio il percorso formativo con le docenti universitarie Francesca Dello Preite e Michela Baldini che esporranno il percorso e le tematiche del corso, mentre il giorno successivo, sabato 26, dalle 9,30, si apriranno delle sessioni laboratoriali con il coinvolgimento delle famiglie. Il progetto si propone di avere un carattere interattivo e partecipativo, in modo da rendere i partecipanti attivi nei processi di apprendimento e nella costruzione di nuovi saperi e pratiche. La metodologia didattica mirerà al coinvolgimento dei partecipanti e prevederà un continuo confronto tra la prassi in uso nelle realtà già presenti e le teorie di riferimento in letteratura. Attraverso l’utilizzo di discussioni guidate e lavori di gruppo e con l’impiego di metodologie e strumenti vari (visione di albi illustrati, narrazioni, story telling) verranno valorizzate le pratiche attive ed il principio dell’imparare facendo, che si pone alla base dell’intervento formativo.
“Crediamo fortemente – dice l’assessore Marotti- nella valenza pedagogica- educativa di questo progetto che fornirà agli addetti ai lavori gli strumenti per educare alla parità ed alle differenze nel miglior modo possibile, a tutti i livelli educativi e scolastici. Sono tematiche attuali su cui è necessario soffermarsi ed interrogarsi per costruire una comunità educativa migliore, dove davvero ognuno si senta accolto ed amato. Dobbiamo prenderci cura dei nostri bambini nel modo corretto. La formazione è necessaria: in una società complessa come la nostra, dove tutto è in trasformazione, gli educatori devono avere le conoscenze e le competenze per affrontare ogni sfida così come anche le famiglie. L’esigenza di variare le modalità del convegno, sebbene consapevoli che la ricchezza della formazione in presenza abbia una sostanza diversa, è per dar modo alle persone interessate di partecipare nonostante la positività al Covid e per evitare, laddove possibile, nuove eventuali situazioni di contagio.”
Alle luce della nuova modalità di svolgimento del convegno per iscriversi e ricevere il link per le due giornatere necessario rivolgersi a : Lisa Giacomelli, Coordinamento e direzione area infanzia Arca Cooperativa sociale,telefono 3489133392, e-mail l.giacomelli@arcacoop.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

SCRIPTA LEGAMVS, menzione speciale per il Liceo Classico

In un video l'epigrafe latina su un altare del II secolo d.C. ritrovata a Seccheto nel 1889

L’Alberghiero Foresi a scuola di cucina senza glutine

Il progetto è “Fuori casa. A scuola con la celiachia per non farne una malattia”

Arrighi realizza una vigna di Ansonica in una scuola

A curarla sono gli studenti dell' istituto Brignetti. Un progetto iniziato due anni fa