La Calata torna pedonale, comincia sabato 29 la chiusura

Stop alle auto dalle 19,30. Il sindaco: "Abbiamo lasciato tutto com'era, monitoriamo"

Scatterà alle 19,30 di sabato 29 giugno la APU ( area pedonale urbana) di Calata Mazzini e Calata Matteotti a Portoferraio.

Il provvedimento, che viene messo in atto in lieve ritardo rispetto agli anni passati, inizierà fisicamente dall’altezza del Molo Gallo, interessando i tratti di Calata Mazzini e Calata Matteotti, e conseguentemente il divieto di circolazione nella circonvallazione Piazza della Repubblica lato sud dalle 18.30 alle 2, il divieto di sosta lato destro in Piazza della Repubblica in direzione Palazzo Comunale, il divieto di circolazione in via G.Garibaldi dall’intersezione con Via Roma fino all’intersezione con Via Bechi dalle 19.30 fino alle 2, e l’istituzione dell’inversione del senso di marcia con percorrenza da Piazza della Repubblica verso Via Gori e del divieto di fermata in Via Bechi dalle 19.30 alle 2.

“Vorrei ringraziare la cittadinanza – ha commentato il consigliere delegato alla viabilità Roberto Manzi – per la collaborazione e la pazienza avuta per la ritardata chiusura della Calata. Abbiamo cercato di andare incontro a tutte le esigenze degli esercenti delle attività e rimaniamo a disposizione dei cittadini per qualsiasi inconveniente dovesse verificarsi, oltre che per eventuali suggerimenti”.

“Non abbiamo cambiato praticamente nulla rispetto agli anni passati – ha aggiunto il sindaco Tiziano Nocentini – per permettere a tutti di affrontare l’estate senza difficoltà aggiuntive. Sarà nostra cura rivalutare il tutto, dagli orari ai suoli pubblici, monitorando come funzionano le cose in prospettiva del prossimo anno. Se sarà necessaria qualche variazione, ne prenderemo atto immediatamente. Ringrazio comunque la Polizia Municipale per la preziosa collaborazione”.

L’area pedonale urbana della Calata , che si protrarrà ogni giorno dalle 19,30 alle 6, durerà fino al 15 settembre.

Una risposta a “La Calata torna pedonale, comincia sabato 29 la chiusura

  1. MARCELLO Bargellini Rispondi

    la cosa che mi ha colpito in questo articolo e che ritengo positiva è la possibilità di “rivalutare il tutto” anche perchè se vogliamo fare turismo dobbiamo sapere che i nostri ospiti hanno la precedenza su tutto nel rispetto delle regole.
    Chiudere la calata alle 19,30 non mi soddisfa per niente, entrare in centro se non per i residenti che lo possono fare dalla parte superiore del paese con le macchine crea solo rumori e pericoli.
    nel porto ci sono decine di barche che rientrano dalle 17,00 in poi, avere questo impatto con il traffico non è compatibile, cosi come riaprire alle 2,00 di notte lo ritengo inutile per ospiti e residenti.
    Ritengo importante che l’amministrazione per il futuro tenga in considerazione i rapporti con le Categorie economiche, sentinelle attente a colmare lacune, almeno quando si vanno a toccare equilibri molto delicati.

    29 Giugno 2024 alle 9:56

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Fotonotizia: la strada di Via della Regina chiede aiuto

Un nostro lettore: "speriamo che con la nuova amministrazione venga sistemata"

Atti vandalici alle Ghiaie, la denuncia del Comune

Danneggiate altalene e scivoli, la segnalazione del personale della Cosimo de' Medici

“Nessun disagio a seguito della chiusura della Calata”

Il sindaco: "Qualcosa cambierà l'anno prossimo, sabato sopralluogo sul traffico portuale"