Controlli dei NAS dei Carabinieri, sanzionati cinque locali

Gli interventi a Capoliveri, Portoferraio e Rio. Effettuati anche sequestri di alimenti

Continuano i controlli dei Carabinieri sulla sicurezza alimentare e sul rispetto della normativa a tutela della salute pubblica. I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Livorno, congiuntamente a quelli delle Stazioni Carabinieri di Portoferraio, Capoliveri e Rio, sono stati impegnati in controlli di settore per monitorare il rispetto della normativa in materia di somministrazione di alimenti e bevande da parte degli esercizi pubblici della costa elbana.

In particolare, i Carabinieri, a seguito di capillari controlli eseguiti in esercizi pubblici di vari comuni isolani, in ottemperanza alla campagna denominata “operazione estate tranquilla 2024”, hanno riscontrato irregolarità sotto molteplici aspetti della sicurezza alimentare e sotto il profilo igienico sanitario.

In esito alle attività ispettive, in un bar ristorante di Capoliveri è stata riscontrata l’assenza dell’indicazione degli ingredienti dei panini e dei prodotti esposti per la vendita preparati artigianalmente, cosa che ha comportato una sanzione di 2000 euro per la titolare 47enne.

A Portoferraio le attività sanzionate sono state molteplici. In un bar ristorante di prodotti siciliani sono stati sequestrati 44 chili di alimenti vari (arancini, calzoni ed altri preparati tipici) poiché conservati in frigoriferi a temperatura non idonea ed esposti altresì alla contaminazione di agenti patogeni esterni, non riunendo quindi i requisiti generali di sicurezza e di igiene alimentare. Ciò ha comportato per il titolare 47enne anche una sanzione di 1000 euro.

In un panificio gestito da un 66enne le sanzioni complessive sono state di quasi 3500 euro. Ad essere carente, anche qui, l’igiene, per la presenza diffusa di sporco, residui farinacei ed imballaggi vari nei locali di preparazione e rivendita. Assente, inoltre, l’indicazione degli allergeni sui prodotti esposti alla vendita. Infine, il rinvenimento di cicche di sigaretta tra il banco e la parte retrostante dei locali di produzione è valsa la contestazione dell’inosservanza del divieto di fumo nei locali.

Anche il titolare di origini pakistane di un kebab è stato sanzionato per 1000 euro per aver adibito un locale del negozio a magazzino senza la preventiva autorizzazione.

Infine, la titolare 33enne di un ristorante di Rio è stata segnalata all’ASL locale per gravi e diffuse carenze igieniche all’interno dei locali.

I controlli proseguiranno su tutto il territorio provinciale da parte del N.A.S. in collaborazione con l’Arma territoriale a tutela della salute pubblica e della sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cocaina, mannaia e mazza da baseball in auto. Denunciato

Il report settimanale dei controlli dei carabinieri sul territorio elbano anche di notte

Richiamo al rispetto delle normative sui rifiuti pirotecnici

Esa segnala che all’interno di materiale ingombrante trovati rifiuti pericolosi

Scontro fra due barche al largo di Morcone 4 persone a bordo

Interviene la Guardia Costiera, sono in corso indagini per le cause dell'accaduto