il video e l'intervista

Elba “isola archeologica”: il punto con il Prof. Franco Cambi

Un’app mobile per visite virtuali, nuovi scavi e attività. Un patrimonio tutto da scoprire

L’Elba si conferma ancora una volta un sito archeologico davvero importante. Il patrimonio storico e culturale dell’isola non smette mai di regalarci nuove e interessanti scoperte e spunti di approfondimento, con grande soddisfazione degli studiosi che lavorano alacremente e con passione per far tornare alla luce e valorizzare il nostro prezioso passato, per metterlo a disposizione di tutti i visitatori, residenti e turisti.

Ultima novità in ordine di tempo è la nuova app mobile di imminente uscita, #ArgumentedReality, che mostrerà ai visitatori tutte le bellezze della Villa Romana delle Grotte di Portoferraio. Un progetto sviluppato da CETMA e co-finanziato dalla Regione Toscana e guidato nella direzione scientifica dall’Università di Siena e dalla Fondazione Villa Romana delle Grotte. 

Ricostruzioni panoramiche 3D, contenuti audioguida multilingua, video e contenuti in realtà aumentata AR, accompagneranno i visitatori nell’esplorazione del sito archeologico, tra le rovine delle antiche dimore dei nobili romani, le storiche terme e il magnifico giardino del Peristilio, offrendo un’esperienza immersiva moderna e unica nel suo genere.

La Villa Romana delle Grotte è forse il sito archeologico più noto dell’isola d’Elba, ma, di certo, non è l’unico. Grande è infatti il patrimonio storico di questa “isola archeologica” e numerosi sono i fronti aperti per gli studiosi. Ne abbiamo parlato con il Prof. Franco Cambi.

Guarda il videoservizio:

3 risposte a “Elba “isola archeologica”: il punto con il Prof. Franco Cambi

  1. patrizia lencioni Rispondi

    interessantissimo!!!

    22 Gennaio 2024 alle 23:21

  2. patrizia lencioni Rispondi

    interessantissimo..
    si può partecipare attivamente ricerche e eventuali scavi???

    22 Gennaio 2024 alle 23:16

  3. Maristella Giulianetti Rispondi

    Complimenti al prof Franco Cambi e a tutto lo staff che tiene in vita, non senza fatica, la Villa romana alle Grotte.

    20 Gennaio 2024 alle 14:43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *