Portoferraio

“La nuova Ordinanza dell’ADSP penalizza tutti gli elbani”

L'interpellanza dei consiglieri Meloni e Cetica contro il nuovo regolamento del porto

I consiglieri del Comune di Portoferraio, Simone Meloni e Federica Cetica, della “Lista Civica per Portoferraio – Meloni Sindaco” rispondono con un’interpellanza alla nuova ordinanza (n. 30 del 7/11/2023) dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, che ha approvato il nuovo “Regolamento di parcheggio dei veicoli per le aree di sosta “Zona A” e “Zona D” del Porto di Piombino”. Dal 1°gennaio 2024, infatti, secondo tali recenti disposizioni, sarà possibile lasciare l’auto nel Parcheggio “Zona A – Poggio Batteria” – già accessibile solo da coloro che, avendone diritto, sono muniti di contrassegno, rilasciato dalla stessa Autorità Portuale – soltanto per un periodo massimo di 36 ore dall’arrivo, lasso di tempo che verrà rilevato dal sistema di registrazione degli accessi e delle uscite presente nell’area di parcheggio.

“Il Parcheggio “Zona A – Poggio Batteria” è utilizzato principalmente, ma non solo, dai residenti all’Elba, che lavorano o studiano fuori dall’isola, e dai pendolari non residenti che lavorano all’Elba” – fanno notare Meloni e Cetica nella loro interpellanza, “tutti soggetti che, per i loro spostamenti, usano l’automobile, stante le notevoli difficoltà ad utilizzare i mezzi di trasporti pubblici (treni ed autobus)”.

“Tale nuova disposizione penalizza di fatto i lavoratori pendolari e gli studenti elbani che ritornano a casa per almeno 2 giorni (ad es. per il weekend il venerdì, con partenza la domenica), così come i lavoratori pendolari non residenti che lì parcheggiano la propria autovettura nel corso della settimana e restano per più di 2 giorni all’Elba”.

Inoltre, evidenziano i consiglieri comunali ferajesi, “La sanzione applicata in caso di superamento delle 36 ore nel parcheggio sarà pari € 50,00 al giorno: pertanto, coloro che dovranno sostare in zona porto a Piombino per più di 36 ore, saranno costretti a sostare a pagamento nei parcheggi privati, con un notevole aggravio dei costi degli spostamenti da/per l’Elba, o a traghettare con il proprio veicolo, cosa molto difficile, se non impossibile, in alcuni fine settimana estivi, nonché opzione ugualmente costosa”.

L’interpellanza di “Lista Civica per Portoferraio” è diretta all’Amministrazione comunale, e in particolare al sindaco, Angelo Zini, per sapere “quali iniziative ha intrapreso o intende intraprendere il Sindaco al fine di far modificare il regolamento approvato con l’ordinanza n. 30 del 07/11/2023 dell’ASDP, relativo al parcheggio dei veicoli per le aree di sosta “Zona A – Poggio Batteria” del Porto di Piombino, ampliando la durata della sosta consentita, rispetto alle 36 ore previste, e chiedere l’immediata sospensione dell’applicazione dell’ordinanza in oggetto”.

La richiesta, inoltre, è che la presente interpellanza sia inserita all’ordine del giorno nel prossimo consiglio comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il caso dei pazienti oncologici, sono arrivate le scuse

Si sarebbe trattato di un malinteso, al quale è seguito un chiarimento. La storia

Violenza a Capodanno, la difesa: “No al processo mediatico”

Lettera aperta delle due avvocate dell'accusato: "Si ignora la presunzione di innocenza"

Permessi di sosta, arriva la sospensione dell’ordinanza

Dopo le critiche dall'Elba, la nota dell'ADSP: "Siamo in cerca di una soluzione equilibrata"