Piano del Parco, RuggeroBarbetti: “Cambiamolo insieme”

Il consigliere PNAT scrive ai cittadini: "segnalatemi le vostre esigenze e proposte"

Ruggero Barbetti

Da Ruggero Barbetti, Consigliere del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, riceviamo e pubblichiamo:

A tutti i cittadini delle Isole di Toscana

Come sicuramente saprete, il Parco Nazionale Arcipelago Toscano, di cui sono membro del Consiglio Direttivo, ha intrapreso un percorso di revisione del Piano del Parco sia per quanto riguarda le zonazioni che per quanto riguarda le Norme Tecniche di Attuazione. Resta sottinteso che i perimetri del Parco non vengono modificati perché, in tal caso, sarebbe necessaria una modifica del Decreto istitutivo del Parco che richiederebbe una procedura complessa e molto lunga.

Quindi per quanto riguarda il percorso di revisione ho chiaramente le mie idee, idee che mi hanno sempre accompagnato e guidato nei 24 anni che ho ricoperto la carica di Sindaco di Capoliveri pur essendo consapevole e cosciente che, in questo caso, ci troviamo all’interno di Norme che disciplinano un Parco Nazionale. Per esempio, ricordando che fu una mia idea, quando ricoprivo la carica di Commissario del Parco, quella di classificare le strutture ricettive con una disciplina particolare, penso che oggi sia matura la possibilità che le zone destinate a strutture ricettive siano classificate in zona D e che quindi seguano, in pratica, le norme previste da ogni Comune per hotel e campeggi.  Così come credo che chi possieda una casa nel Parco e magari vi abbia anche la residenza, debba poter effettuare un ampliamento dell’immobile più o meno come avviene per le abitazioni al di fuori del Parco. Oppure che possano essere modificate alcune zonazioni e delle zone B possano diventare zone C così come delle zone C possano diventare Zone D.

Ma oltre alle mie idee mi piacerebbe che i cittadini mi aiutassero a capire meglio le esigenze di chi ha una casa, un terreno o un’attività commerciale all’interno del Parco formulando al sottoscritto delle Proposte non vincolanti ma espresse a fini meramente collaborativi per darmi la possibilità di capire meglio quale sono le problematiche e quindi le esigenze di chi vive o lavora o comunque è proprietario di un immobile che si trova all’interno del perimetro del Parco.

Saranno naturalmente parimenti ben accette segnalazioni che guardino ad un maggior livello di protezione dei vincoli esistenti in alcune zone delicate senza però dimenticare che, come lo sviluppo, anche la conservazione deve essere sostenibile.

Queste informazioni che mi verranno suggerite dalle vostre schede mi serviranno per presentare al Consiglio Direttivo ed agli uffici delle proposte generali di modifica e chiaramente non potrò entrare in una logica di particolarismi che saranno eventualmente soddisfatti nel periodo delle osservazioni che potranno essere presentate dopo l’adozione del Piano e prima della sua approvazione definitiva.

Potete scaricare la scheda sul mio sito web www.ruggerobarbetti.it.

La scheda, debitamente compilata e sottoscritta può essere inviata riservatamente al mio indirizzo mail ruggerobarbetti@gmal.com .

Ringrazio anticipatamente per il fattivo contributo che vorrete accordarmi.

Ruggero Barbetti

Consiglio Direttivo

Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Una risposta a “Piano del Parco, RuggeroBarbetti: “Cambiamolo insieme”

  1. Eugenio Bosi Rispondi

    Ottima iniziativa di apertura e dialogo dell’organismo istituzionale che si deve fare valere nei confronti di pseudo organismi ambientalisti che appaiono più demagogici che tutori.

    17 Gennaio 2023 alle 11:31

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il programma completo delle attività del PNAT

di Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Parco, 157mila euro per le scuole dell’isola d’ Elba e del Giglio

Approvati 21 progetti di educazione ambientale presentati dalle scuole dell'Arcipelago

Delfini guardiani, il progetto riparte dall’isola d’Elba

Un percorso didattico coi bambini delle elementari di Portoferraio e Capoliveri