Rio

Controlli, sequestrato un automezzo carico di rifiuti speciali

Operazione dei carabinieri forestali. La ditta non era iscritta all'albo gestione rifiuti

Nell’ambito della campagna dei controlli relativi alla gestione dei rifiuti derivanti da attività di demolizioni edilizie, anche in considerazione dei numerosi cantieri aperti in questo periodo che hanno attivato le procedure del Superbonus 110%, i Carabinieri Forestali in servizio presso le Stazioni Parco di stanza all’isola d’Elba, stanno da tempo effettuando dei controlli mirati.
Durante uno di questi controlli, nel comune di Rio, è stato individuato un automezzo con all’interno rifiuti speciali non pericolosi derivanti da attività di demolizioni edilizie lungo la strada provinciale n. 26.
All’interno dell’automezzo erano presenti due operai di una ditta edile di Piombino, impegnata in lavori edilizi nel centro abitato di Rio Marina.
I militari accertavano presso il portale telematico Banca Dati Albo Gestore Ambientali, della Camera di Commercio Industria e Artigianato di Firenze, che la ditta oggetto di controllo non era in possesso della necessaria iscrizione per la gestione dei rifiuti.
Considerato che l’impresa edile risultava sprovvista di una sede operativa sull’isola, venivano attivate le procedure sequestrare l’automezzo con i rifiuti e trasferirlo presso la sede operativa della ditta a Piombino.
Il traghettamento del mezzo oggetto di sequestro è stato preceduto da un’analisi tecnica per escludere la pericolosità dei rifiuti.
Giunti a Piombino, i militari operanti hanno proceduto al sequestro preventivo dell’automezzo con all’interno i rifiuti, presso la sede operativa dell’impresa edile, procedendo alla stesura degli atti che hanno portato al deferimento alla Procura di Livorno del rappresentante dell’impresa edile per attività di gestione di rifiuti speciali non pericolosi non autorizzata, provenienti da attività di demolizione edilizia, mediante trasporto degli stessi tramite un autocarro. Il sequestro è stato già convalidato dal PM titolare del procedimento penale.
Il Comandante del Reparto CC Parco Nazionale Arcipelago Toscana ricorda: ”Chi trasporta professionalmente rifiuti deve essere iscritto all’Albo Nazionale Gestori Ambientali. Tale iscrizione costituisce autorizzazione all’esercizio delle attività di raccolta e trasporto rifiuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Omicidio all’Elba: Landi, violata storia di civiltà dell’Isola

Il commento: "Un efferato omicidio estraneo alla storia e alla cultura dell’Elba"

“Inaccettabili le insinuazioni di Corsini, adesso chiarisca”

di Paola Mancuso, Renzo Galli, Claudio De Santi

Pugni, calci e bastonate così è stato ucciso Angelo Carugati

L'indiziato Mounir Ghallab 24 anni è in carcere, avrebbe rubato l'orologio e il cellulare