Uso di diserbanti, sanzionato agricoltore elbano

Carabinieri Forestali intervenuti su segnalazione di un'associazione ambientalista

Lo scorso mese di marzo, a seguito di una puntuale segnalazione di associazione ambientalista elbana sull’uso di un noto diserbante, i Carabinieri Forestali della Stazione Parco di Portoferraio sono subito intervenuti in loc. Mola per verificare le modalità con cui era stato utilizzato un noto erbicida.

Accertato che a farne uso era stato un agricoltore titolare di regolare patentino fitosanitario ( o “patentino veleni”), documento indispensabile per poter utilizzare ad uso professionale i fitofarmaci nel settore agricolo (stiamo parlando di giardinieri, manutentori del verde, agricoltori ed utilizzatori professionali), i Forestali hanno approfondito la verifica sul tipo di prodotto utilizzato e sull’eventuale presenza di pozzi pubblici per la captazione delle acque per il consumo umano.

La presenza di un punto di captazione e della relativa area di salvaguardia (200 metri)  prevista dalla legge, ha fatto sì che l’agricoltore sia stato sanzionato per 6.600 € per aver violato le misure stabilite a tutela dell’ambiente acquatico e delle fonti di approvvigionamento di acqua potabile.

“Si ricorda- afferma il Comandante dei CC Forestali, Ten. Col. Stefano Cipriani-  che prima di tutto occorre conoscere bene la composizione del prodotto fitosanitario e le corrette modalità e tempistiche della sua distribuzione poiché gli effetti nocivi sono notevoli anche su insetti pronubi ed acari utili e poiché il prodotto deve essere specifico per l’avversità che si vuole combattere”. “Senza patentino fitosanitario non è possibile acquistare ed utilizzare in agricoltura antiparassitari, anticrittogamici, fungicidi, diserbanti, etc.”

“Per quanto riguarda, invece, la salvaguardia delle acque superficiali, la Regione ha individuato aree di salvaguardia distinte in zone di tutela assoluta e zone di rispetto. Tutelare qualitativamente e quantitativamente la risorsa idrica captata _ soprattutto in un contesto idrografico come quello elbano _ riveste una importanza prioritaria. Ricordo che nelle aree di rispetto sono vietate tutta una serie di attività, tra cui lo spandimento di concimi chimici, fertilizzanti o pesticidi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Bando Toremar, “Ancora nessuna risposta dalla Regione”

di Segreteria Regionale Circolo Elba Sinistra Italiana

Il bastione del Cornacchino, sarà ripulito dalla vegetazione

L'intervento a scopo dimostrativo sotto le mura delle fortezze senza costi per il comune

“Nuove prospettive sui processi idrologici ed eco idrologici”

La Conferenza promossa dal Lions Club Isola d’Elba lunedì 16 maggio