Il pediatra De Fusco va in pensione dal 29 aprile

L'azienda: "Aumentati i massimali dei pazienti agli altri pediatri convenzionati"

Alberto De Fusco, pediatra convenzionato nell’ambito territoriale dell’Isola d’Elba cesserà la propria attività per pensionamento a partire da venerdì 29 aprile. I genitori (o tutori) degli assistiti dovranno effettuare una nuova scelta fra i pediatri convenzionati operanti sul territorio ai quali sono stati aumentati i massimali. L’iscrizione al pediatra di libera scelta è obbligatoria per tutti i bambini della fascia di età da 0 a 6 anni, mentre al momento del compimento dei 6 anni, è possibile passare al medico di medicina generale.

Con l’occasione ricordiamo che è possibile effettuare la scelta del medico o pediatra dal proprio computer o dai dispositivi mobili come smartphone e tablet, senza la necessità di recarsi fisicamente allo sportello azzerando quindi le file e con la massima libertà di orario.

Al servizio on line si può accedere tramite:

– Totem PuntoSI
– App Toscana Salute di Regione Toscana (scaricabile su Play Store o Apple Store)
– Portale web Open Toscana

L’Azienda USL Toscana nord ovest ha, inoltre, messo a disposizione un modulo elettronico compilabile via web per avanzare richiesta di cambio del medico o del pediatra raggiungibile sul sito istituzionale all’indirizzo: https://www.uslnordovest.toscana.it/richiesta-cambio-medico

In alternativa è è sufficiente che uno dei genitori/tutore si presenti con un documento d’identità, autocertificando i dati del figlio a uno degli uffici di anagrafe sanitaria presenti sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Quarta dose, Dini (Asl): “Fatela senza rimandare!”

L'appello del Direttore del Dipartimento di medicina generale ad anziani e soggetti fragili

Controlli sui tumori al seno, si allarga lo screening

Gli inviti estesi anche alle donne fra i 45 e i 49 anni e fra i 70 e i 74 anni

Sanità, proclamato sciopero per venerdì 20 maggio

Saranno garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità