Legambiente - Le foto

Concluso il campo di volontariato a Mola. Il racconto

Sono stati 10 i volontari che hanno imparato ad amare la zona umida. Le attività

I volontari

Il 18 aprile con un’escursione a capo Enfola si è concluso il primo campo di volontariato della stagione, organizzato da Legambiente Arcipelago Toscano. Sbarcati all’Elba il 14 aprile, in 5 giorni i 10 volontari, provenienti da Como, Firenze, Milano, Roma, Spoleto e Torino hanno imparato a conoscere, amare e proteggere la zona umida di Mola, una delle poche rimaste nell’Arcipelago Toscano, Zona di protezione speciale inserita nella Rete Natura 2000 e importantissima area di sosta per uccelli migratori.
La zona umida di Mola è stata recentemente oggetto di un progetto di recupero da parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano che ha iniziato il delicato processo per restituire a quest’area la sua funzione naturale. Purtroppo le difficili condizioni in cui versava (fino agli anni 60 era stata usata addirittura come discarica comunale) e l’aumento di frequenza dei fenomeni climatici eccezionali che hanno causato l’affondamento di diverse imbarcazioni proprio di fronte a Mola la fanno ancora sembrare un’area abbandonata e spesso è difficile capirne l’importanza, ma i segni di rinascita e recupero sono sempre più evidenti.
Durante il campo i volontari sono stati coinvolti nelle attività di manutenzione ordinaria dell’area come pulizie della spiaggia dai rifiuti abbandonati o portati dal mare e pulizia ambientale per tutelare le delicate piante autoctone e aromatiche. Si sono inoltre occupati delle attività di informazione e sensibilizzazione dei visitatori, con l’obiettivo di far conoscere l’importanza naturalistica di quest’area e il suo delicato ecosistema, soprattutto in occasione dell’evento “Conoscere Mola” organizzato il 16 aprile all’aula VerdeBlu nell’ambito del Walking Festival. Fondamentale è stato anche il loro contributo nella realizzazione di cartelli informativi costruiti con materiali di recupero e installati nell’area per evitare comportamenti scorretti e impattanti da parte di chi frequenta e visita Mola.
Per svolgere al meglio queste attività i volontari hanno partecipato ad escursioni sul territorio e momenti informativi con esperti e guide ambientali. Il più significativo è stato con Leonardo Forbicioni, vicepresidente della World Biodiversity Association (WBA) e curatore del LabNat del Forte Inglese.
I campi di volontariato non sono però solo lavoro e formazione. Elena, una delle volontarie dice: «Quando si pensa al volontariato spesso si associano le parole fatica e impegno. Partecipando ai campi Legambiente ho capito che fare insieme vuol dire divertimento e bellezza, imparare cose nuove e farle pur non sentendosi capaci. Dopo quest’esperienza mi attiverò anche per partecipare alle giornate locali della mia città. Avere cura dell’ambiente insieme fa stare bene. Grazie!»
Inoltre, i campi di volontariato sono una significativa esperienza di gruppo perché si condividono l’alloggio e i pasti. Tutti sono chiamati a fare la loro parte dividendosi i compiti in un’ottica di responsabilità condivisa: si cucina, pulisce e ci si diverte tutti insieme. Ognuno ha l’occasione di fare cose che non appartengono alla propria sfera di competenza, mettendosi continuamente alla prova. Per esempio, Michela che non usa i social network, è stata l’autrice di alcuni dei post fatti durante il campo sulla pagina Facebook dell’aula VerdeBlu. Anche cucinare e fare la spesa per 12 persone è stata una novità per molti ma la possibilità di usare la cucina da ristorante dei “Sassi Turchini” (la struttura in cui eravamo alloggiati) ha reso tutto più facile e divertente.
Come dice Simone, uno dei volontari, «Queste sono state le 10 cose che hanno reso indimenticabile il campo: le nottate in bianco; le colazioni arrangiate; i trasferimenti col pulmino; il bricolage improvvisato; il birdwatching commentato; la passeggiata Carmignani; l’escursione a Capo Stella; le cene turnate; la filosofia da bar; i post copia-e-incolla».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Cisterna fuori strada a Bagnaia, bonificata la zona

Soltanto oggi sono terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco iniziate mercoledì

Pesca ricci di mare, 41mila euro di sanzioni della Capitaneria

Oltre 20mila esemplari sequestrati, gli echinodermi vivi sono stati rilasciati in mare

Santina Berti:” Obiettivi raggiunti anche con gli eventi estivi”

L’assessore alla cultura e istruzione, traccia un bilancio di cinque anni di governo