Il video

Rigassificatore a Piombino, la decisione è stata presa

Snam ha già individuato due navi da rigassificazione, saranno piazzate in rada

Il porto industriale di Piombino

Incontro al vertice nella giornata di giovedì 31 marzo a Piombino per decidere sulla ipotesi di installare un rigassificatore per far fronte alla crisi energetica e alle sempre più probabili ripercussioni del conflitto in Ucraina.

Presenti vertici ministeriali del governo Draghi, la Regione Toscana presente col presidente Giani, l’autorità Portuale di Sistema, il Comune di Piombino e  la Snam, società che ha avuto mandato dal ministero della Transizione economica, e che avrebbe già individuato due navi da rigassificazione da piazzare o all’attracco sulle nuove banchine del porto di Piombino o – più probabilmente – in rada.

Questa la novità, dunque: niente impianti a terra, se non per collocare le tubature necessarie al trasporto del gas verso i gasdotti già in funzione. Per il resto riserbo assoluto , anche sui tempi, che dovrebbero essere molto ristretti, con operatività entro la fine dell’anno.

Il sindaco di Piombino Ferrari ha chiesto garanzie. “Chiederemo un incontro con il ministro Cingolani  – ha dichiarato Ferrari al Tirreno – per ottenere tutte le rassicurazioni necessarie. Oggi più che mai abbiamo bisogno di garanzie sia riguardo la compatibilità dell’impianto con le imprese di itticoltura, con il turismo, con il porto e i trasporti, oltre che sull’avvio delle bonifiche dei siti industriali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"