La maratona di Roma per mantenere la promessa ad Alba

Gianni Tacchella ha portato con sè la maglia della giovane campese scomparsa

” Alba , Eravamo rimasti d’accordo che mi avresti dato la tua maglia e che l’avrei dovuta portare nella maratona di Roma e poi lunedì sarei venuto a restituirtela e a farti vedere la medaglia e invece … Fra poche ore sarà con me in gara e questo succederà per sempre finché potrò correre te lo prometto . Naturalmente con me domani ci sarà anche la maglia con Rosella e il testimone dei messaggeri del mare.”

A scrivere questo sul suo profilo facebook è  è Gianni Tacchella, eclettico runner campese, che ha voluto rendere pubblica sui social media la promessa fatta ad Alba Giusti, la 36enne scomparsa qualche settimana fa ed anch’essa grande appassionata di maratona.

Ogni promessa è debito, ha pensato Gianni. E così, nella mattina di domenica 27 marzo, ha preso il via insieme ad altri 12mila runners nella maratona della Capitale, portandola a termine proprio nel ricordo di Alba.

Gianni ha portato con sè anche il testimone del Messaggeri del Mare, dando ancor più risalto mediatico al suo messaggio. Non una impresa, per lui che è abituato ai 42 chilometri e 915 metri della maratona. Ma Alba, da lassù, ha senz’altro sorriso e approvato.

Una risposta a “La maratona di Roma per mantenere la promessa ad Alba

  1. Grande Gianni, non solo come sportivo ma come uomo sensibile e buono. Sono orgoglioso di essere tuo amico. Il ricordo di Alba rimarrà sempre nei nostri cuori, specialmente dopo aver vissuto tanta parte della sua vita insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Un volume dedicato a Francesco Bosi, “una pietra angolare”

La presentazione lunedì 2 maggio in Regione nella sala Gonfalone del Palazzo del Pegaso

Le commemorazioni del 25 aprile nel comune di Rio

Corone d'alloro presso i Monumenti dei Caduti di Rio Marina, Rio nell'Elba e Cavo

78 anni fa, Portoferraio e il bombardamento di San Giuseppe

Aerei alleati colpirono pesantemente la città, 56 morti e 60 feriti. Il ricordo dai social