Cinghiali: “non bastano due cacciatori per gli abbattimenti”

La denuncia del Comitato “Emergenza Nord-Ovest": "così non si risolvono i problemi"

In data 17/03/2022 il Comitato “Emergenza Nord-Ovest” aveva inviato alla Regione Toscana, alla Provincia di Livorno, all’Ente Parco Arcipelago Toscano, all’ATC10LI e per presa visione al prefetto di Livorno e al sindaco di Marciana, un’altra lettera, non avendo avuto ancor nessun riscontro alla precedente, perché si risolva l’emergenza che si è venuta a creare nel territorio Nord-Occidentale dell’Isola d’Elba per la presenza di un numero abnorme di mufloni e cinghiali.
Il Comitato, di cui fanno parte le Associazioni, i Comitati e la cittadinanza del versante Nord-Occidentale, auspica di vedere intraprese azioni che risolvano il problema nell’immediato. “Non è pensabile  – dicono dal Comitato Emergenza Nord-Ovest – poter porre fine a una tale emergenza con soli due cacciatori a disposizione del Parco Nazionale Arcipelago Toscano una sola volta alla settimana. Nel loro ultimo intervento hanno tolto una ventina di capi , sia mufloni che cinghiali, ma non è assolutamente abbastanza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"