Gruppo Onorato, “finalmente si parla di tutela dei marittimi”

Picchetti dei lavoratori sotto la sede del Ministero, "priorità alla tutela occupazionale"

Il 31 marzo scadranno i termini ultimi per arrivare ad un accordo tra i vertici di Moby-Cin e i commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria. L’accordo sul risanamento del debito – si legge su corrieremarittimo.it – serve per scongiurare il fallimento del Gruppo evitando così di mettere a rischio 6 mila lavoratori marittimi. A pochi giorni di distanza sono ripresi i picchetti dei lavoratori  e delle lavoratrici del gruppo Onorato (Moby, Cin e Toremar) difronte alla sede del MISE, grazie ai quali sembrerebbe avviato un primo confronto. Nella mattinata di lunedì 21 marzo le segreterie Filt-Cgil e Fit-Cisl in una nota hanno informato di avere raggiunto “almeno un risultato” – “Finalmente il ministero dello Sviluppo Economico ha preso atto delle ragioni della nostra protesta” – “Abbiamo ricevuto l’impegno nel trasferire ai commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria e al Mims la necessità di dare evidenza alla tutela occupazionale, nel caso in cui non si arrivasse all’accordo sul piano del risanamento del debito con il gruppo Onorato”.

Secondo Filt-Cgil e Fit-Cisl infine: “È un primo importante passo in avanti per l’avvio di un confronto utile a rasserenare le migliaia di lavoratori coinvolti. Nei prossimi giorni saranno convocate le assemblee su ogni singola nave per le opportune valutazioni sul proseguimento della vertenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Sono cambiati gli orari delle partenze di Blu Navy

Fino al 26 maggio otto coppie di corse con orari differenziati da Piombino e Portoferraio

Blunavy, cambiano orari nella settimana prima di Pasqua

Otto coppie di corse ad orari speculari sia da Piombino che da Portoferraio

Interrogazione in Regione sul nuovo bando Toremar

La ha presentata il Consigliere Irene Galletti (M5S) su proposta di Sinistra Italiana