Comune Unico, Barbi:” D’accordo la semplificazione, ma…”

Il sindaco di Marciana: " Necessaria la rappresentatività dei più piccoli"

Simone Barbi sindaco di Marciana

Il nostro territorio – Dice Simone Barbi, sindaco di Marciana, è delimitato dal mare e quindi, la scelta di un’amministrazione unica che guidi l’Elba è una scelta che darebbe forza e consentirebbe, a tutta l’isola di crescere e di essere presente nel mondo, in maniera molto più forte. A mio modesto parere, quello che manca all’Elba, sono delle scelte concrete comprensoriali, che interessano tutto il territorio. O meglio, ultimamente si cerca di farle unitariamente per gli ottimi rapporti che intercorrono fra gli amministratori, ma in linea teorica e di principio avere una sola voce, avere una dimensione più grande all’interno del mare della pubblica amministrazione, darebbe sicuramente più forza all’Elba. Pertanto ritengo – dice ancora Barbi – che per poter parlare di comune unico, che ribadisco secondo me è necessario, bisognerebbe avere uno studio ben fatto, molto analitico, magari prodotto nel tempo da alcune università, da poter spiegare bene ai cittadini e che ci consenta di capire quali possono essere le difficoltà e le positività di questa fusione. Gli slogan valgono poco, non funzionano e, non dimentichiamo che la decisione finale deve derivare dalla volontà di chi questo territorio lo vive e non deve essere calata dell’alto. Quindi conclude – il sindaco di Marciana – D’accordo per il comune unico, ma è necessaria la rappresentatività dei “ più piccoli”, assetti istituzionali ben pensati e ben attuati perché la teoria è una cosa la pratica un’altra. Credo che nessuno vuole che il comune unico diventi un boomerang.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Comune Unico, Allori:” Voce unica sicuramente più efficace”

Il sindaco marinese:" Serve condivisione dell'idea e i cittadini devono capirne i vantaggi"

Comune Unico, Montauti:” Il no del 2013 è stato categorico”

Il sindaco: "Se ci sarà un nuovo referendum gli elbani potranno (ri) esprimersi"