/guarda le foto

Grande successo per la presentazione del libro di Linda Rossi

Non è bastata la Gran Guardia a contenere il pubblico che si è trasferito alla De Laugier

L'autrice Linda Rossi

Sabato 19 marzo alle ore 17 alla Sala “Nello Santi” presso Il Centro Congressuale  De Laugier si Portoferraio si è tenuto il terzo appuntamento della rassegna MarZo di Libri, con la presentazione del libro di Linda Rossi “Margherita. Storia di bullismo, sorriso e occhiali rossi” edito da Fabbrica dei Segni . Sotto l’organizzazione della libreria MardiLibri, ha introdotto  l’autrice Chiara Marotti.

L’evento, inizialmente previsto alla Gran Guardia, si  è dovuto trasferire nel centro Congressuale per la grande presenza di pubblico.

Il commento dell’autrice parla da solo: “‘Non c’è niente da capire basta sedersi ed ascoltare’ cantava Lucio Dalla, e io  – ha detto Linda Rossi – vorrei ringraziare davvero con il cuore chi ieri pomeriggio ha deciso di prestare ascolto alle parole di Margherita e ai miei pensieri , anche se, a tratti , traditi da tanta tantissima emozione .
L’emozione di vedere in prima fila gli sguardi attenti a orgogliosi dei bimbi della quarta A, e non solo.
L’emozione di avere accanto gli amici di una vita, per me solidissime certezze in un mondo che va un po’ a caso.
L’emozione di condividere applausi e sorrisi con due Superdonne come Chiara Marotti e Silvia Boano che mi hanno regalato una giornata indimenticabile.
L’emozione di aver suscitato emozioni: le bellissime parole di Cristina Meazza, la commozione di Elena Maestrini e la condivisione di esperienze con chi mi conosce bene e chi invece magari mi ha incontrato ieri per la prima volta.
L’emozione e la speranza di aver reso felice e orgogliosa la mia famiglia, soprattutto la mia mamma.
Con tutte queste persone voglio condividere la gioia del mio piccolo traguardo, che in questo 19 marzo tutto speciale , è dedicato anche al mio babbo, grandissimo esempio di forza e gentilezza.
Raccontare storie è la mia passione e la mia àncora nei momenti difficili , così come lo è per Margherita, ed è tramite i suoi occhiali rossi e il suo sorriso contagioso che spero possa aiutare chi la conosce a non sentirsi mai solo”.

“Per concludere vorrei ringraziare Bo illustrazioni, che con semplicità ed empatia ha regalato a Margherita i suoi occhi luccicanti ed espressivi è diventata ormai una mia buona amica.
E , ovviamente, i miei ringraziamenti vanno soprattutto alla casa editrice Fabbrica dei Segni e al CTA – Centro di Terapia dell’Adolescenza (in particolare alla disponibilità e cortesia di Sonia Negri) per aver creduto in questa storia, in Margherita e in me” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

La città di Arezzo rende omaggio al maestro Giuseppe Pietri

Il musicista elbano ha scritto l'inno della Giostra del Saracino. Le celebrazioni

Alla De Laugier l’anteprima di “Tremenda voglia di vivere”

Il 16 maggio verrà proiettato il documentario sull'esperienza di Exodus all'Elba

Il Liceo delle Scienze Umane a convegno sul bullismo

Sabato presso l’aula magna “Lorenzo Claris Appiani”. Relatore il padre Aldo