Tatuaggi sicuri con i nuovi colori, ma occhio agli abusivi

La CNA: "Bene le nuove direttive UE, ora facciamo attenzione alla sicurezza"

nuovamente legali i tatuaggi a colori

“Con le nuove direttive della Comunità Europea – spiega Sania Farneti presidente provinciale dei tatuatori – dal 4 gennaio 2022 data di entrata in vigore del Regolamento UE 2020/2081 (che ha modificato il Regolamento REACH n. 1907/2006), sono state introdotte importanti restrizioni sulle sostanze contenute negli inchiostri per tatuaggi e trucco semipermanente limitando la presenza nelle miscele di sostanze altamente pericolose per la salute umana. I tatuatori italiani si pongono adesso ad un livello di sicurezza superiore rispetto ad altre nazioni. I nuovi colori sono adesso disponibili, anche se non è facile reperirli e ne è aumentato il costo”.

“Rivolgersi agli abusivi per farsi un tatuaggio è adesso ancor più pericoloso di prima – aggiunge la coordinatrice Valentina Bonaldi – perché chi non rispetta alcuna norma in fatto di igiene, sicurezza e tributi sicuramente continuerà anche ad usare i vecchi colori adesso fuorilegge. I vecchi colori non possono essere utilizzati, anche se fossero già stati acquistati prima del 4 gennaio e fossero quindi nelle scorte. Il tatuatore inoltre prima di acquistare i nuovi colori deve assolutamente sincerarsi della presenza, in etichetta, della dicitura: “Miscela per tatuaggi o trucco permanente”. Inoltre, prima di eseguire il tatuaggio, deve fornire al cliente le informazioni indicate obbligatoriamente sull’imballaggio della miscela”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati