Le foto

Casetta dei Pescatori di Bagnaia, raid vandalico nella notte

Danneggiato edificio in concessione a un diving. Scritte sui muri contro il comune

Raid vandalico nella notte fra giovedì 10  e venerdì 11 marzo alla Casetta dei Pescatori di Bagnaia. La struttura, che nei mesi passati era stata oggetto di una polemica fra l’amministrazione comunale di Rio e un comitato locale a causa della concessione in uso dell’edificio demaniale ad un diving dopo un bando di gara per la gestione dello stesso, era appena stata recintata dai concessionari a causa di alcune parti pericolanti, ed è stata presa di mira nottetempo da alcuni sconosciuti. Le persone si sono introdotte nell’edificio scavalcando la rete, salendo al piano superiore e   – dopo aver forzato una porta –  hanno sfondato i solai danneggiandoli.

Non contenti, gli ignoti hanno riempito le pareti di scritte intimidatorie ed ingiuriose nei confronti del sindaco e dell’amministrazione comunale di Rio.

“Più che di vandalismo si tratta di intimidazione vera e propria – hanno dichiarato i responsabili del diving concessionario della struttura – già in passato avevamo ricevuto minacce e inviti espliciti a non venire a Bagnaia in quanto persone non gradite. Dopo quanto accaduto siamo sconcertati, non possiamo credere che tutti i cittadini di Bagnaia siano d’accordo con questo modo di fare, che non esitiamo a definire mafioso”.

Nella mattinata di sabato la Casetta dei Pescatori, pesantemente danneggiata dal raid vandalico, è stata ispezionata da alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale di Rio e dai Carabinieri della stazione riese coadiuvati dagli uomini del Reparto Investigazioni Scientifiche, che stanno indagando per cercare di identificare i responsabili dell’accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"