Promozione turistica Il video e le interviste

Rally art e Mitsubishi torna a esplorare l’Isola d’Elba

Il tour in una completa avventura, il territorio, il gusto, la tradizione e la cultura

L’Elba è un’isola da esplorare, dal mare, attraverso le sue numerose baie ed insenature o dalle vette delle sue montagne; a piedi, in bici a cavallo o a bordo di un fuoristrada guidati dall’esperienza di Renato Rickler partner di Mitsubishi.
Gli scenari adatti all’Elba sono innumerevoli, basti pensare ai siti minerari o il massiccio di mille metri del monte Capanne. Le risorse elbane da abbinare ad un itinerario riescono a trasformare il tour in una completa avventura attraverso il territorio, il gusto, la tradizione e la cultura dell’isola.
Renato, l’esperienza del suo team Rally art e Mitsubishi lo sanno bene e tornano dopo 2 anni nella terza isola italiana regina delle perle dell’arcipelago toscano.
Il turismo esplorativo a bordo del fuoristrada può essere una importante risorsa Nell’ottica di allungare la stagione turistica.
L’ambizione elbana è quella di creare un club di prodotto basato sull’istituzione di una scuola che avvii al fuoristrada slow, richiamando nicchie di amanti di questa pratica. Ciò permetterebbe l’utilizzo consapevole del territorio, creando un sistema virtuoso formato da istituzioni, amministrazioni, associazioni e privati.
“L’Elba ha tutte le carte in regola, è un luogo fantastico da fruire nel modo più sostenibile, parola di chi ha corso mille Parigi Dakar ed ora vuole gustare ogni momento in tranquillità e armonia con la natura”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Parco Commerciale delle Antiche Saline, il 18 maggio è festa

L’inaugurazione di Upim e Acqua e Sapone, segue quella della Parafarmicia Conad

Upim, mercoledì 18 maggio l’inaugurazione del nuovo store

Un ulteriore tassello alla riqualificazione del Parco Commerciale delle Antiche Saline

La Torta di Napoleone offerta al giro podistico elbano

Il dolce nel pacco gara  atleti. Vallini:” sempre più forte il legame fra il giro e l’isola”