Il Medioevo a Rio, sulle tracce di una storia invisibile

Un ciclo di conferenze in collaborazione con l'Università di Siena, si comincia il 7 luglio

Come erano le miniere di Rio nel Medioevo? Lo scopriremo nel primo dei tre  appuntamenti che il Comune di Rio, in collaborazione con il Parco MineraRio e l’Università degli Studi di Siena, ha dedicato alla storia del versante orientale dell’Isola d’Elba.

Il ciclo di conferenze si intitolerà “Il Medioevo a Rio – Sulle tracce di una storia invisibile”, ed inizierà domenica 7 luglio a Rio Marina, dove alle 21,30 alla Scalinata della Pergola si terrà l’evento dal titolo “Il Distretto Minerario di Rio nel Medioevo. Un viaggio tra storia e archeologia”. L’evento verrà curato dalla professoressa Luisa Dallai, dell’Università degli Studi di Siena, che accompagnerà i presenti in un viaggio virtuale per scoprire che cosa l’archeologia mineraria può ancora raccontarci sul nostro passato.

“È l’inizio della collaborazione con un Ateneo importante come  quello di Siena – ha ricordato l’assessore alla cultura Mattia Guerrini  – sancita dalla convenzione stipulata il mese scorso. Questo ciclo di incontri permetterà di far luce su un periodo della nostra storia meno conosciuto, ma non per questo meno importante, che è il Medioevo. Apriremo una finestra sull’importanza del nostro ferro per il continente, sin dai tempi più antichi, e che nell’età industriale ci ha, poi, fortemente caratterizzato rispetto a tutti gli altri paesi dell’Elba. Insieme all’Università di Siena faremo ottime cose”.

Il ciclo di conferenze prevede il prossimo appuntamento a Rio nell’Elba lunedì 15 luglio, quando si parlerà di “Rio Elba e il Medioevo: una complessa storia tra l’isola e il Continente”, e si concluderà con un “Archeo-trekking sul Monte Serra – visita all’opificio medievale del ferro”, in programma domenica 21 luglio.

Il programma

Ciclo di conferenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Presentato il restauro della “Tore” di Marciana Marina

I lavori sono stati affidati all'architetto portoferraiese Alessando Pastorelli. I dettagli