Marina di Campo, ha 20 anni l’ittiturismo “Rosa dei Venti”

Nel 2004 era une delle prime attività di questo genere in Italia, ora il fatidico giro di boa

E’ cominciata nei giorni scorsi la ventesima stagione dell’Ittiturismo “La Rosa dei Venti”, attività davvero particolare nel contesto della ristorazione elbana. La Rosa dei Venti, che si trova a Marina di Campo in località Brumaio, non lontano dall’aeroporto di La Pila, non è un ristorante vero e proprio: in pratica si cena a casa del pescatore che procura gli ingredienti, col pescato del giorno che viene cucinato in maniera tipicamente elbana per gli ospiti. Un’attività nata 20 anni fa quasi per scommessa, quando  La Rosa dei Venti  era una dei primi ittiturismi in assoluto in Italia. Si cominciò con i padroni di casa Marco e Paola a ricevere gli ospiti praticamente a casa loro, sotto una pergola attrezzata. Negli anni i due gestori si sono migliorati ed hanno avuto anche qualche apparizione televisiva, in trasmissioni come Vivere il Mare e Sereno Variabile della RAI, oltre a qualche visita di VIP, sulla quale preferiscono mantenere l’incognito. Ora, con l’inizio della stagione estiva 2024, il ventesimo giro di boa all’insegna dell’esperienza, della genuinità e della tipicità isolana.

Una risposta a “Marina di Campo, ha 20 anni l’ittiturismo “Rosa dei Venti”

  1. Rosanna Mastropasqua Rispondi

    È vero “LA ROSA DEI VENTI” è una ristorazione d eccellenza , dove il pescato di Marco è cucinato in modo sapiente e fantasioso da Paola . Sono diversi anni che li frequento durante le vacanze e ho sempre riscontrato super accoglienza e super menù……. Complimenti Ragazzi !!!!

    19 Giugno 2024 alle 15:45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

A due studenti elbani la borsa di studio “Claris Appiani”

Sono la campese Giulia Ferrini e il portoferraiese Lorenzo Minelli del Liceo Foresi

Si è concluso Seif. Ecco il resoconto della sesta edizione

Sull'accessibilità dei porti alle scuole blu e il premio al navigatore Marco Rossato