Il chiarimento

Lavori per la fibra alle Ghiaie, le rassicurazioni del Comune

Operazioni autorizzate e condotte rispettando l'ambiente. Zini: "Progetto strategico"

Arriva la replica da parte del Comune di Portoferraio, dopo le aspre critiche ricevute da Simone Meloni e da Legambiente per la mancata pubblicizzazione e condivisione dei lavori in corso sulla spiaggia delle Ghiaie per la posa di un cavo di trasmissione in fibra ottica che collegherà l’isola d’Elba e Capraia – oltre che per la scelta, ritenuta assolutamente discutibile, di una spiaggia delicata e importante come le Ghiaie per effettuare questo genere di lavori pesanti e invasivi.

In una nota stampa e sul profilo Facebook ufficiale dell’istituzione, si legge che queste operazioni fanno parte del progetto “Isole Minori”, “finanziato con 45 milioni di euro di fondi del PNRR che prevede il collegamento, entro il 2024, di 21 isole minori italiane appartenenti a cinque regioni italiane (Toscana compresa) con l’impiego di 900 chilometri di cavo sottomarini per la banda internet ultra larga.

La spiaggia delle Ghiaie è stata scelta in quanto è la più vicina alla centrale trasmissiva. Le operazioni a terra e a mare, previste nell’ambito del progetto portato avanti dalle società “Elettra TIc S.p.A” (designata da Infratel Italia S.p.A, la società del Ministero dello Sviluppo Economico che coordina il progetto) e “Fa.Ro.Mar s.r.l”, sono state regolarmente autorizzate dalle autorità marittime ai vari livelli, dalla Regione Toscana e, per quanto di competenza, dal Comune di Portoferraio. Il cavo viene depositato nel pieno rispetto dell’ambiente.

Le operazioni a mare vengono effettuate con l’ausilio della motonave “Teliri”, una delle poche al mondo in grado di posizionare cavi sottomarini in condizioni meteo avverse. Sulla spiaggia è previsto uno scavo su sabbia e ghiaia della profondità di circa 2 metri, con declivio naturale che collegherà l’uscita della condotta con il punto di approdo, senza la realizzazione di nessun’altra opera. Il cavo verrà protetto tramite conchiglie metalliche che verranno installate fino a 15 metri di profondità, limite dell’inshore.

Lato spiaggia, le conchiglie, all’interno dello scavo, verranno ricoperte con la sabbia. Lato mare, le conchiglie verranno interrate sott’acqua tramite sorbona (quando il fondale lo permette) o ancorate tramite viti da posidonia o morsetti di roccia, a seconda del fondale trovato”.

“Si tratta” – spiega il sindaco Angelo Zini – “di un progetto di natura strategica a livello nazionale sulla interconnessione delle isole minori italiane, che non prevede alcuna interferenza negativa sul nostro ambiente marino e sulla nostra spiaggia”.

Una risposta a “Lavori per la fibra alle Ghiaie, le rassicurazioni del Comune

  1. Gianfranco Rispondi

    Certo avete sempre ragione voi,pensate che benefici avremo noi elbani,fantastico,questi lavori ovviamente servono a chi,solo per prendere i soldi del pnrr,ma caro sindaco secondo lei anche l’ospedale non è strategico

    21 Dicembre 2023 alle 8:34

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

De Laugier, Di Tursi: “Perché la mancata manutenzione?”

“Forza del Fare” presenta un’interrogazione da discutere in consiglio comunale

Coldiretti: un incontro su PAC, pratiche sleali e direttive UE

Martedì 20 all'ex Gattaia, i temi da affrontare con le aziende e il direttivo provinciale

Fotonotizia: storie di ordinario degrado urbano quotidiano

Fermata dell'autobus urbano trasformata in discarica, c'è anche una bombola di gas