Costituzione della magistratura comunitativa di Portoferraio

di Marcello Camici

Portoferraio nel 1700

SECOLO DECIMO OTTAVO. MAGISTRATURA COMUNITATIVA  DI PORTOFERRAIO

STATUTI E ORDINAMENTI CONCERNENTI LA FORMA DI GOVERNO DELLA TERRA DI PORTOFERRAIO

 

 

SECONDA PARTE

 

 

“Il libro degli STATUTI di Portoferraio che si conserva presso l’Archivio storico del comune di Portoferraio è una copia settecentesca dello Statuto originale conservato nell’archivio storico di Firenze .La filza,legata in pergamena con lacci in cuoio,è composta da 373 carte numerate consistenti il nucleo statutario al quale nucleo è cucito altro materiale di interesse statutario…”

(Cfr pg 58 di “Gli statuti di Portoferraio sec. XVI”. Marisa Sardi .Persephone edizioni.2017)

Nel testo sopra citato,Marisa Sardi si sofferma a trascrivere “privilegi et esenzioni” del 1556 , gli statuti del 1574 , i nuovi statuti del 1579,scrivendo  commenti per ogni capitolo.              

Di seguito  trascrivo le carte di archivio del  testo dello Statuto di Portoferraio  vigente nel 1700  relativo alle sole norme riguardanti la costituzione della  magistratura comunitativa (vedi foto della prima carta).

Mi soffermerò in seguito a parlare della loro applicazione nella vita quotidiana del secolo decimo ottavo tramite quanto scritto nel “libbro dei partiti” della magistratura comunitativa  ferraiese relativo al periodo 1743-1765.

 

 “  Statuti e Ordinamenti del Ser.mo Granduca di Toscana Nostro Signore concernenti  la forma di governo       et reggimento della terra di Portoferraio nell’isola dell’Elba

 

In prima si facci un’imborsazione di tutti li capi di casa di Portoferraio  che sieno d’età  almeno di anni ventiquattro quali però non sieno né confinati o stipendiati o dependenti da giurisdizione delle Fortezze non inducendo in dette eccezioni  li bombardieri et altri privilegiati  di S.A.I. quali habbino habitato  i detto luogo almeno cinque anni  e tutti gli imborsati in detta borsa habbino voce attiva e passiva  nel modo et forma che di sotto si dirà .

Adunarsi a suono di campana  et voce della tromba  e messo nella Compagnia del Corpus Domini  posta nel convento dei Frati Osservanti  di S. Francesco  in presenza del Commissario di detto luogo ,del suo Cancelliere

Intendendo quanto al luogo  finchè altrimenti sarà provvisto  e tal adunanza non possa far cosa alcuna se almeno non vi saranno trenta del numero di detti imborsati

Con questa adunanza consista il Consiglio generale di capi di detto luogo

Riunirsi almeno due volte l’anno  per imborsare in detta Borsa  tutti quelli che haveranno habitato in detto luogo per il tempo che di sopra  et haveranno le qualità predette a dichiarazione.

 Vinchino le loro deliberazioni per la metà  et una pìù a fave nere  del numero di quelli che saranno  adunati  e per ora il cancelliere di detto consiglio sia il cancelliere del commissario

Habbi autorità detto Consiglio di vincere ciascun anno un Consiglio particolare Ordinario  per il quale si trattino  i negozi della Comunità  occorrenti ordinariamente  et vinchesi per partito di detto Consiglio generale come di sopra  il qual Consiglio ordinario habbia essere di nove uomini et più due Anziani,di maniera però che nel radunarsi sei del Consiglio e due delli Anziani bastino, et li partiti si debbino vincere  per li due terzi a fave nere come di sopra,duri detto consiglio de nove un anno e gli anziani sei mesi

 Radunisi in detto luogo della Compagnia   a suono di Campana ogni volta che saranno chiamati dagli Anziani   e faccisi in presenza del cancelliere del Commissario  quale ora come di sopra serva ancora per cancelliere

                                                                           Divieto.

Debba vacare da detto Offizio di Anziano  et haver divieto da esso per diciotto mesi di poi che sarà uscito dall’Offizio  e dal Consiglio per due anni

                                                               Modo di eleggere gli Anziani.

Dal detto Consiglio si elegga la prima cosa tre Anziani  per nominazione del Consiglio generale  con proporsi a uno ad uno  all’orecchio del Cancelliere un homo a suo beneplacito e quelli tre che resteranno  con più voti  et nominazioni sieno Anziani.

                                                        Elezione del Camarlingo e suo divieto.    

 Di poi si elegga un camarlingo quali duri per un anno per due terzi di detto Consiglio come di sopra,il qual Camarlingo habbi divieto due anni dall’uscita  e da che haverà reso conto  o restituito ogni cosa che fusse debitore

                                      

                                                     Dell’Offizio et raccolta dell’Anziani

 

L’Offizio delli Anziani sia far adunare per Consiglio Ordinario quanto sarà necessario come di sopra  et di proporre al detto consiglio le cose occorrenti sopra le quali doverà deliberare ma habbino cura di proteggere le vedove  pupilli orfani  et persone miserabili  habbiano ad intervenire col Commissario nel constituire li prezzi alle grasce  e conservar le misure e i pesi  giusti  et dichiarare le pene alle trasgressioni  restando però doppo le consulte fatte  con loro  l’Autorità nel Commissario  di deliberare e risolvere o condannare  li delinquenti.

Siano stimatori due di loro di pegni e cose mobili delle quali stime ne debbon essere soddisfatti ad arbitrio del Commissario

Habbino per loro salario alla fine dell’offizio un piatto  o tondo  di stagno per ciascheduno di loro di libre tre.”

 

(Filza “Statuti”(già E1)  .Carte senza numero di pagina.Archivio preunitario del comune di Portoferraio.Archivio della comunità di Portoferraio 1554-1800.Archivio storico comune di Portoferraio ”)

 

                                 

MARCELLO CAMICI

in foto:

(Filza “Statuti”(già E1)  Prima carta di  “      Statuti e Ordinamenti del Ser.mo Granduca di Toscana Nostro Signore concernenti  la forma di governo et reggimento della terra di Portoferraio nell’isola dell’Elba”. Carta senza numero di pagina.Archivio preunitario del comune di Portoferraio.Archivio della comunità di Portoferraio 1554-1800.Archivio storico del comune di Portoferraio )

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Santa Barbara e i minatori, il ricordo di Filippo Boreali

L'ex minatore capoliverese è la più importante memoria storica della tradizione elbana