Vaccino, l’Asl: “Rinunciare a quarta dose è un errore”

"Non possono permetterselo le persone a rischio". Le indicazioni da seguire

Sono state oltre 3.300 le quarte dosi somministrate nei primi quindici giorni di avvio della nuova fase vaccinale sul territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest che vanno a sommarsi alle oltre 2,8 milioni già assicurate dall’avvio della campagna.

“L’esperienza di questi primi 15 mesi di somministrazioni – dice Spartaco Sani, direttore dell’Area delle Malattie Infettive dell’Azienda USL Toscana nord ovest – ci ha dimostrato che nonostante il vaccino non protegga totalmente dall’infezione, riesce a proteggere dalla malattia grave. Per questo chi prende il Covid adesso, se è vaccinato e non è ultraottantenne con comorbilità, non ha grandi problemi. Credere però che tutto sia finito e rinunciare alla protezione data dalla quarta dose è un errore che non possiamo permetterci. Soprattutto non possono permetterselo quelle categorie di persone attualmente indicate come destinatarie della nuova dose booster. A tutte loro consiglio di parlarne con il proprio medico di famiglia e accordarsi per farla nel rispetto dei tempi indicati. Anche la variante Omicron che sembra meno aggressiva in realtà non è stata un raffreddore per tutti. Ha portato a casi gravi, con lunghi ricoveri per le persone non vaccinate. Il fatto che nei vaccinati il Covid sia spesso una malattia banale, lo dobbiamo ad una copertura vaccinale adeguata che dobbiamo sforzarci di mantenere tale”.

Ad aver diritto alla somministrazione della seconda dose di richiamo (il cosiddetto “second booster”) sono, oltre agli ospiti delle Rsa, anche gli ultraottantenni e le persone sopra i 60 anni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti. Per effettuare il vaccino occorre che siano passati almeno 4 mesi dalla somministrazione della terza dose, mentre sono esclusi coloro che abbiano contratto il virus dopo la terza dose.

Come prenotarsi. La quarta dose potrà essere effettuata accordandosi con il proprio medico di famiglia, nei centri vaccinali attraverso la prenotazione sul portale regionale all’indirizzo https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/  e nelle farmacie che abbiano aderito alla campagna vaccinale.

L’elenco delle patologie per cui è prevista la quarta dose degli over60 varia dalle malattie respiratorie a quelle cardiocircolatorie, neurologiche, epatiche, cerebrovascolari, al diabete, alle emoglobinopatie, alla grave obesità e alla disabilità fisica e psichica. A coloro che, collegandosi al portale, dichiareranno la loro impossibilità a muoversi sarà garantita la vaccinazione a domicilio.

Per la quarta dose saranno utilizzati i vaccini Pfizer e Moderna nei dosaggi previsti per la dose booster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Covid, il report settimanale: giù i contagi

Scende sensibilmente il numero dei casi sull'isola. il report completo

Covid, tornano a salire i contagi. La situazione all’Elba

Casi aumentati quasi del 20%. I numeri dei contagi comune per comune

Il Covid non molla, all’Elba 330 casi in una settimana

Scuole chiuse, meno contagi in età scolare. I numeri comune per comune