Posti letto specialistici, primo passo verso terapia intensiva?

L'Asl annuncia i posti letto del cosiddetto “setting multidisciplinare”. Ecco cosa sono

immagini di repertorio

All’ospedale di Portoferraio sono stati utilizzati per la prima volta i posti letto del cosiddetto “setting multidisciplinare” ovvero quelli riservati a pazienti che necessitino di un monitoraggio post operatorio a maggior intensità.

Portoferraio potrà  così contare su un servizio più avanzato così come è già successo per i posti letto dedicati ai pazienti “accidentalmente positivi”. Si tratta quindi – dice l’Azienda Asl Nord Ovest – di un altro obiettivo raggiunto tra quelli programmati. 

Il nuovo setting, collocato nel reparto di medicina, può confidare su letti dotati di un sistema di monitoraggio e un’assistenza rafforzata grazie a una forte integrazione multiprofessionale con gli infermieri.

“Questa nuova possibilità – spiega Luigi Genghi, direttore del presidio ospedaliero elbano – ha permesso al nostro primario della Chirurgia, Maurizio Matronola, di effettuare una colecistectomia in paziente con altre patologie che richiedevano un controllo maggior rispetto all’ordinario. L’intervento si è svolto senza problemi e il paziente, seppur ancora ricoverato, sta bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Sanità, proclamato sciopero per venerdì 20 maggio

Saranno garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità

Un nuovo farmaco per curare l’artrite psoriasica

Se ne parla a Pisa al congresso Ponterauma 2022. Relatore il dottor Cecchetti

Medicina dello sport, Fabio Scotto nel gruppo di cammino

Il nuovo referente per l'Isola d'Elba, sarà presente all'appuntamento del 12 maggio