Rio

Insulta il sindaco su un gruppo Facebook, condannata

La sentenza emessa dal tribunale di Portoferraio. Corsini l'annuncia sulla sua pagina

Marco Corsini

Un post sulla pagina Facebook per far sapere l’esito del processo penale a carico di una persona che aveva criticato  il suo operato e quello dell’amministrazione comunale di Rio apostrofandoli su un gruppo social, con un termine molto forte: “Testa di c…..”, è quello che Marco Corsini ex sindaco di Rio ha pubblicato nelle scorse ore. Questo il testo:

“Il Tribunale penale di Portoferraio ha condannato A.R. ad una sanzione pecuniaria per il reato di diffamazione. Aveva infatti appellato il sottoscritto Sindaco di Rio con il titolo di “testa di c…..” e con altre espressioni ingiuriose con un post in un gruppo su Facebook. Diffamazione aggravata perché l’uso dei social è equiparato alla pubblicazione sui mezzi di stampa.
Oltre alla sanzione penale la condanna comporta il risarcimento dei danni e il rimborso delle spese legali alle due parti civili nonché il pagamento delle spese processuali.
Sono stato costretto per rispetto a me e alla carica pubblica in quel momento rivestita a sporgere querela per frenare il malcostume di offendere liberamente gli altri approfittando di una tastiera. E la condanna deve essere d’esempio.
Pensare che per evitare tutto questo sarebbe bastata all’inizio una lettera di pubbliche scuse e magari una piccola somma da versare in beneficenza.
Ma evidentemente il suo difensore ha dato il diverso consiglio di affrontare il processo….e questo è stato il giusto e prevedibile epilogo della vicenda.
La somma che riceverò comunque andrà in beneficenza. Magari per la piazzola dell’elisoccorso di Rio, se mai avrò la possibilità di farla”.

L’imputata ha ora 15 giorni di tempo per presentare appello contro la sentenza di ieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Finisce fuoristrada con l’auto e resta intrappolato nel fosso

60enne capoliverese salvato dai Carabinieri, ma risulta col tasso alcoolemico troppo alto

Angelo Zini:” Fatto drammatico, c’è molta preoccupazione”

Devianze sociali che devono essere seguite anche da assistenza sociale e servizi sanitari