/ LE FOTO

L’incredibile cumulo di rifiuti di San Giovanni: la denuncia

Legambiente: "Il Comune di Portoferraio intervenga per rimuoverlo al più presto"

“Una socia di Legambiente Arcipelago Toscano – scrive l’associazione ambientalista –  ci ha segnalato che «Nel piazzale di San Giovanni, a Portoferraio, sono presenti da un po’ di tempo dei materiali di risulta dell’edilizia scaricati insieme a rifiuti vari. Trasformando così un’area che dovrebbe essere panoramica, oltre che già un bivacco per camper, in una discarica».

In effetti il cumulo di rifiuti abbandonato a San Giovanni è impressionante e, visto che rifiuto chiama rifiuto, abuso a chiama l’abuso e sporcaccioni gli sporcaccioni, il cumulo sembra essere rimpinguato da continui scarichi di rifiuti vari, il tutto di fronte al magnifico panorama di Cosmopoli e in un’area che da tempo Legambiente chiede che, insieme all’area delle Terme e alle Saline e alle Prade vada a formare una zona speciale di conservazione da includere nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Invece, siamo di fronte all’ennesimo scandaloso sfregio al nostro territorio, al nostro ambiente e alla nostra storia perpetrati dai vandali che per tornaconto economico deturpano la nostra isola mettendo a rischio bellezza ed economia.

Legambiente chiede al Comune di Portoferraio un pronto intervento per bonificare questo scandalo e le altre discariche presenti nell’area e alle forze dell’ordine di individuare e punire severamente dove fa più male – il portafoglio – chi si è reso colpevole di questo nuovo scempio a San Giovanni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Mattia Gemelli risponde ai “fedelissimi dell’ex sindaco”

L'ex presidente del consiglio comunale:"Consiglio loro di non commentare la mia storia"

ASA smonta una parte della pista sulla spiaggia di Lido

Sopralluogo di Capitaneria e Carabinieri, tolto il rivestimento in plastica e i paletti

Lido, il Comune: “Arenile trattato come una discarica”

Le foto e il commento sui social: "Detriti e materiale plastico sotto tonnellate di sabbia"