/ LE FOTO

L’incredibile cumulo di rifiuti di San Giovanni: la denuncia

Legambiente: "Il Comune di Portoferraio intervenga per rimuoverlo al più presto"

“Una socia di Legambiente Arcipelago Toscano – scrive l’associazione ambientalista –  ci ha segnalato che «Nel piazzale di San Giovanni, a Portoferraio, sono presenti da un po’ di tempo dei materiali di risulta dell’edilizia scaricati insieme a rifiuti vari. Trasformando così un’area che dovrebbe essere panoramica, oltre che già un bivacco per camper, in una discarica».

In effetti il cumulo di rifiuti abbandonato a San Giovanni è impressionante e, visto che rifiuto chiama rifiuto, abuso a chiama l’abuso e sporcaccioni gli sporcaccioni, il cumulo sembra essere rimpinguato da continui scarichi di rifiuti vari, il tutto di fronte al magnifico panorama di Cosmopoli e in un’area che da tempo Legambiente chiede che, insieme all’area delle Terme e alle Saline e alle Prade vada a formare una zona speciale di conservazione da includere nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Invece, siamo di fronte all’ennesimo scandaloso sfregio al nostro territorio, al nostro ambiente e alla nostra storia perpetrati dai vandali che per tornaconto economico deturpano la nostra isola mettendo a rischio bellezza ed economia.

Legambiente chiede al Comune di Portoferraio un pronto intervento per bonificare questo scandalo e le altre discariche presenti nell’area e alle forze dell’ordine di individuare e punire severamente dove fa più male – il portafoglio – chi si è reso colpevole di questo nuovo scempio a San Giovanni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Zini: una soluzione definitiva sul tribunale dell’Isola d’Elba

Il sindaco chiede al governo di attivarsi per mantenere aperta la sezione distaccata

Elba, ancora un’odissea per un cane bisognoso di cure

Il racconto: "Il mio cane investito, i veterinari rispondono che non sono reperibili"

A rischio il servizio motovedette della Polizia Penitenziaria?

Partita una richiesta straordinaria di personale, si teme esternalizzazione del servizio