“Comitato Regionale si ravveda, inviti la Nazionale elbana”

di Gaetano D'Auria

Replico con la presente alla risposta del Comitato Regionale Toscano FIGC  a nome del presidente Paolo Mangini sull’esclusione della “nazionale di calcio dell’isola d’Elba ” da una festa di sport a Firenze, ripeto un quadrangolare di 3 minipartite da 30 minuti ciascuna non una finale di coppa dei campioni, un torneo commemorativo una festa di calcio proprio come quella del 26 Aprile scorso a Roma, al Trastevere Stadium organizzato dalla Figc nazionale dalla lega pro e dalla Lnd nazionale con la presenza appunto del presidente Ghirelli e del presidente Abete, nella foto si intravedono entrambi insieme anche a Paolo Valeri, Arbitro della partita che dopo 3 giorni ha arbitrato in serie A, Fiorentina – Milan. La vera partita la abbiamo vinta il giorno dopo quando il Santo Padre ci ha ricevuto e ha benedetto la nostra isola e tutte le piccole isole italiane, per un giorno grazie all’Ansa che ha diffuso la notizia in tutto il mondo in tutte le le lingue, la nostra selezione di calcio ha fatto il giro del mondo, e non vi dico l’emozione quando mi ha intervistato Sky sport e ho spiegato il perché di quella partita, grazie a quei presidenti siamo stati protagonisti per un giorno , insomma un vero miracolo grazie allo sport e quei presidenti che vedete nella foto. Miracolo che purtroppo a Firenze non è avvenuto, non avvenuto perché altro comitato, altri presidenti e vicepresidenti, forse perché la partita è davvero piu importante di quella di Roma, ci sono regole più rigide. Noi abbiamo scelto di affiliarsi ad altra Fsn e iscritti al Coni, quindi tesserati e assicurati con altra federazione sportiva, vero, ho chiesto ad uno dei due vicepresidenti che mi contestava un’assicurazione per questa partita di indicarmene una anche a costo elevato, purtroppo risposte sempre negative. Da quando abbiamo iniziato purtroppo da parte di questo comitato non abbiamo avuto nessun aiuto nemmeno nei mesi di luglio e agosto quando le attività sportive erano ferme da mesi. Per quanto riguarda la promozione del nostro territorio in appena un anno abbiamo ospitato 2 selezioni di calcio che hanno soggiornato nella nostra isola e hanno pagato regolarmente come tutti gli altri turisti, abbiamo fatto due trasferte, una a San Remo e una a Roma e abbiamo speso dei bei soldi. Voglio chiudere questa lettera dichiarando che in questi due anni da quando sono volato nell’isola di Jersey per iscrivere la nostra “Nazionale” ad un circuito di tante realtà come la nostra, isole, la più grande, la Groenlandia, ma anche più piccole come Jersey e isole lontanissime come Rapa Nui e Hawaii ma anche le nostre Sardegna e Sicilia che mi sembra hanno meno difficoltà e sono più fortunati di noi, mi sono sentito spesso umiliato e discriminato da persone vicine che hanno sempre ostacolato questa iniziativa sportiva che si è sempre alternata ad altre iniziative non infastidendo nessuno. Tutti possiamo sbagliare, quindi siamo uomini e uomini di sport, anche in età avanzata, quindi chiedo al comitato regionale, al presidente Paolo Mangini di ravvedersi e invitare la squadra Elbana al torneo di Firenze , non ho visto in questo millennio che io ricordi il comitato provinciale organizzare partite con una selezione della nostra isola. Credo che questa vicenda debba prendere l’attenzione dei media nazionali (che mi hanno già contattato) e chiedo l’intervento personale di Giovanni Malago’ del presidente Gravina, del presidente Ghirelli e del presidente Abete. Un appello a tutti gli Elbani a sostenere la nostra “Nazionale” e tutte le iniziative della nostra isola. Chiedo un incontro con Paolo Mangini per spiegargli il nostro progetto che capirà che non è contro nessuno, si ravveda e faccia giocare questa squadra a Firenze, squadra presa in simpatia dai Fiorentini.
Gaetano D’Auria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Dissalatore Capoliveri, FDI: “Un’opera di impatto negativo”

On. Fabrizio Rossi: "ricadute negative su economia e turismo, molte cose da rivedere"