/ GUARDA LE FOTO

Il Parco demolisce e riqualifica edifici a Giannutri

Un centro servizi al posto dei ruderi accanto alla piazzola dell'elisoccorso

Nei giorni scorsi l’Ente Parco ha dato il via alle demolizioni per la riqualificazione di una delle aree più degradate nell’Isola di Giannutri.
La zona si trova a centro isola, in prossimità della piazzola di elisoccorso ed è interessata, da decenni, dalla presenza di una serie di ruderi fatiscenti e pericolanti. L’area, oggi di competenza comunale, è stata concessa dal Comune dell’Isola del Giglio al Parco Nazionale sulla base di uno specifico accordo convenzionale, al fine di realizzare un vero e proprio centro servizi. La zona verrà infatti liberata dai ruderi, risanata e successivamente sarà oggetto di interventi che prevedono la realizzazione di alloggi, foresterie ed uffici attraverso la costruzione di alcuni piccoli edifici in bioedilizia. Il progetto realizzato e finanziato dall’Ente Parco ha un costo complessivo di circa 1 milione e 100mila euro; la fase delle demolizioni che sta per essere terminata ne costituisce il primo lotto funzionale. L’intervento segue quello già realizzato nella zona attigua che ha visto l’installazione dei bagni pubblici, realizzati sempre dal Parco Nazionale. Se è vero che il cosiddetto centro servizi apparterrà al prossimo lotto di lavori, è anche vero che possiamo considerare storico questo momento; momento nel quale una parte dell’ isola torna ad essere libera da edifici pericolanti in cemento, abbandonati e rimasti nel degrado più totale, spesso non solo come elementi che deturpano il paesaggio, ma anche come ricettacolo di altri rifiuti.
Il progetto è stato avviato e sarà completato con fondi del Parco Nazionale utilizzando anche gli introiti derivanti dal ticket di ingresso all’isola, benché la somma complessiva impegnata per l’intero progetto supera non di poco quanto incassato negli anni dall’Ente Parco con i ticket medesimi.
In allegato alcune fotografie della zona di intervento, alcune immagini di come si presentava l’area prima degli interventi, altre sullo stato di avanzamento delle demolizioni ed infine un rendering di come sarà il progetto finito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Marta Musso parla agli studenti di mare e della sua salute

La giovane biologa marina, vincitrice del Premio Donna di Mare ospite della Green Week

Aperture natalizie dei siti museali a Portoferraio

I musei civici resteranno aperti dal 1 dicembre 2022 all'8 gennaio 2023

Plasticene, l’età della plastica che si mangia il mare

Il biologo elbano Nicola Nurra: “Ingeriamo 11mila microplastiche all’anno”