Portoferraio

Chiusura del tribunale, interessate tutte le forze politiche

Paolo Di Tursi: "Il nuovo governo rispetti il principio costituzionale, non abbiamo tempo"

La sezione distaccata del tribunale elbano potrebbe chiudere tra meno di due mesi. Ce lo ricorda l’avvocato Paolo Di Tursi, presidente dell’Associazione forense e Isola d’Elba facendo presente che tutte le forse politiche, di governo e non, sono state informate di questa chiusura che riguarda non solo l’Elba ma anche Ischia e Lipari. Fa presente Di Tursi che il 28 luglio 2022 è stato approvato dalla Camera, quasi all’unanimità, l’iter della proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare che ha modificato l’articolo 119 della nostra Costituzione, aggiungendo un nuovo comma che recita:“ La Repubblica riconosce le peculiarità delle Isole e promuove le misure necessarie a rimuovere gli svantaggi derivanti dall’insularità”. “Ci aspettavano quindi – dice Di Tursi – una coerente tempestiva proroga della chiusura delle sezioni dei Tribunali insulari sopravvissute (Portoferraio, Ischia e Lipari) prevista al prossimo 31 dicembre, ma il precedente Governo ha fatto orecchie da mercante alle innumerevoli richieste, pervenute a tutti i livelli istituzionali. Vedremo ora all’opera la nuova maggioranza di governo, se saprà rispettare o meno il principio costituzionale fresco di stampa. Abbiamo già interessato e sollecitato tutte le forze politiche, di governo e non – ribadisce – nella speranza che con poco sforzo ottengano un notevole risultato di coerenza e giustizia sostanziale. Vedremo nelle prossime settimane i risultati. Nel frattempo, chi può faccia, senza perdere altro tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Filo spinato e recinzioni in accesso a Capo Poro e Galenzana

La denuncia di Legambiente Arcipelago Toscano: "Basta con questa prepotenza infinita"

Incendio di Castancoli, perché non tabellata l’area bruciata?

Legambiente a Comune e Regione: è stata inserita nel catasto aree percorse dal fuoco?