“Eva tentata dal serpente” ispira alcuni artisti elbani

Il presente dialoga con il passato, il 9 settembre alle 17,30 una visita guidata

Il presente dialoga con il passato il 9 settembre alle 17,30 nell’ambito della visita guidata di Another Elba all’esposizione su Giuseppe Bezzuoli, in corso alla Pinacoteca Foresiana di Portoferraio con gli Uffizi Diffusi.
Tra atmosfere fiorentine da Grand Tour, guizzi risorgimentali e un’isola d’Elba da cartolina in bianco e nero, gli artisti elbani:  Belinda Biancotti, Chiara Scalabrino, Cristina Sammarco e Luca Polesi, hanno realizzato o selezionato alcune opere ispirate o correlate all’iconica “Eva tentata dal serpente” del maestro romantico fiorentino.
La collaborazione si è concretizzata nel clima di sana condivisione collettiva di “Aperitivo con l’arte”, l’iniziativa promossa da alcuni ateliers del centro storico di Portoferraio il primo settembre scorso.
La visita guidata di Another Elba sarà preceduta da un approfondimento storico della scrittrice Maria Assunta Scannerini e ripercorrerà squarci di vita vissuta e capolavori del pittore ottocentesco.
Non è un caso che sia proprio la ex Caserma De Laugier ad ospitare il pittore toscano, tra i massimi esponenti del romanticismo.
Bezzuoli era infatti legato personalmente alla Pinacoteca di Portoferraio, in quanto in ottimi rapporti d’amicizia con Alessandro Foresi, zio di Mario Foresi, il fondatore della pinacoteca stessa.
Medico e grande estimatore dell’artista toscano, del quale scrisse anche una biografia, Alessandro Foresi possedeva numerosi dipinti dell’amico, ancora oggi parte della collezione elbana.
Appuntamento il 9 settembre pv ore 17,30 nel Chiostro della De Laugier.
La partecipazione a ” Un pittore e il suo medico tra i salotti fiorentini e l’isola d’Elba” è gratuita (escluso ingresso al museo).
E’ richiesta la prenotazione al 346-4904719.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Uffizi Diffusi, mostra su Bezzuoli aperta fino al 2 novembre

La Maddalena e altre opere ammirate dai turisti, fruibili anche nei prossimi due mesi