“Capo Poro, uffici comunali bloccati da cavilli burocratici”

Il sindaco Montauti: "Atti predisposti da tempo, ma sono bloccati da procedure legali"

Il sindaco Montauti in una manifestazione a Capo Poro

Dal sindaco di Campo nell’Elba Davide Montauti, in merito alla questione delle recinzioni a Capo Poro segnalate da Legambiente, riceviamo e pubblichiamo la seguente nota:

“Quello che sta succedendo a Capo Poro è molto grave. In questi mesi abbiamo più volte predisposto atti ufficiali con i quali si chiedeva al proprietario di riaprire il sentiero 139 e togliere una recinzione che di fatto impedisce a cittadini e turisti di accedere al faro di Capo Poro ma il proprietario ha sempre risposto con atti di prepotenza rafforzando la chiusura di tutta la zona. Oggi l’accesso è impedito addirittura dal filo spinato.

Ho visto personalmente i cartelli posti all’inizio del sentiero con i quali si tenta di far desistere chiunque a salire fino alle postazioni militari e al faro ed è incredibile la modalità con la quale è stata realizzata la recinzione con i pali di ferro dentro il Parco Nazionale, la rete metallica con il filo spinato che corre per centinaia di metri lungo un perimetro che di fatto impedisce l’accesso a chiunque.  Gli uffici comunali hanno comunicato più volte al proprietario di lasciare aperto il passaggio perché tutti i suoi permessi sono sospesi ma in questi mesi abbiamo dovuto registrare solo continui atti di diniego.

Un’escalation di interventi, spesso sanzionati dagli organi di polizia giudiziaria perpetrati a danno di un patrimonio di natura, cultura e memoria che appartiene a questa Comunità e alle generazioni che verranno. Capo Poro è un pezzo della nostra storia con la sua batteria costiera, è la memoria di chi ha sacrificato la propria vita durante la guerra. Quella recinzione che impedisce l’accesso al Faro e alle batterie dove è posta la targa in memoria dei cinque marinai morti per lo scoppio del cannone il 27 maggio del 1943 è solo una dimostrazione di forza che offende vivi e morti ed è umanamente inaccettabile.

È incredibile dover registrare che ci ritroviamo gli uffici bloccati perché basta un buon avvocato e una conoscenza delle procedure per impedire di fatto che gli atti e i provvedimenti producano effetti in tempi rapidi. E questa è una modalità che si ripropone almeno per altre due o tre situazioni.

Quanto alle capre che in questi anni si sono moltiplicate in quelle zona diventando selvatiche e dannose per tutto l’ecosistema vorrei sapere chi ne rivendica la proprietà. Non credo siano arrivare a capo Poro con un’astronave aliena.”

 

Il Sindaco

Davide Montauti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

“Zini e Garfagnoli non dettano le linee politiche dei sindaci”

Davide Montauti attacca e accende la querelle su OTD. "Comunicato non concordato"

Una cerimonia per ricordare l’incendio del 6 agosto 1985

In quella tragica giornata a Sant'Ilario persero la vita 5 ragazzi. L'iniziativa del comune

Montauti ha nominato la giunta, Chiara Paolini vicesindaco

Rispettate le quote rosa, oltre al sindaco gli assessori saranno due uomini e due donne