Portoferraio

Il dottor Riccardo Cecchetti interviene al Reumaflorence

Il primario di medicina tratta le manifestazioni reumatiche del long covid

Parlerà delle “manifestazioni reumatiche del long Covid” il dottor Riccardo Cecchetti, primario del reparto di medicina interna dell’ospedale di Portoferraio, durante il suo intervento alla tredicesima edizione del Reumaflorence che si svolge tra oggi e domani, 3 settembre, a Firenze. Si tratta di un corso riservato a medici di reumatologia, immunologia e medicina interna per approfondire tematiche cliniche ricorrenti che hanno un risvolto sulla loro attività quotidiana. Saranno svolti argomenti con relatori qualificati che hanno pubblicato sull’argomento, temi dagli aspetti fisiopatologici, di ricerca di base che hanno comunque un risvolto clinico. A Portoferraio dall’estate 2021 è stato attivato l’ambulatorio moltidisciplinare post Covid che vede come coordinatore proprio il rimario di medicina dell’ospedale elbano. E’ un servizio dedicato alle persone che sono state positive al Coronavirus e ne portano ancora le conseguenze. “Alcuni soggetti – spiega infatti il dottor Cecchetti – pur guariti dall’infezione possono soffrire di sintomi debilitanti, la manifestazioni reumatologiche sono le più frequenti trovandosi in una situazione che , seppur priva di definizione esatta viene chiamata Long Covid” . L’ambulatorio elbano riunisce in maniera multidisciplinare una serie di figure professionali specialistiche come pneumologi, cardiologi, neurologi oltre all’internista reumatologo. A seconda dei problemi clinici l’equipe si avvale anche di altri specialisti dell’ospedale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Settimana mondiale dell’allattamento, un incontro all’Elba

L'appuntamento domenica 2 ottobre, dalle ore 9.30 alle 13, alla Torre della Linguella

Degenze in ospedale: il 92% dei pazienti molto soddisfatto

E' il risultato di una ricerca promossa dalla Regione e dalla Scuola Sant'Anna di Pisa

In funzione il nuovo apparecchio Tc all’ospedale elbano

Asl: "Dotazione tecnologica che alza il livello qualitativo delle indagini diagnostiche"