Legambiente: bene il sindaco sulla riapertura del sentiero

Le altre istituzioni seguano il suo esempio e rivedano tutta la situazione a Galenzana

Legambiente Arcipelago Toscano esprime grande soddisfazione per la decisione del Comune di Campo nell’Elba di riaprire il sentiero per Capo Poro, che ricade nella Zona B del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nella Zona speciale di conservazione (Zsc, Direttiva Habitat) e Zona di protezione speciale (ZPS, Direttiva Uccelli) di Monte Capanne – Promontorio dell’Enfola.

Il Sindaco Montauti mette così un punto fermo in una vicenda di colonizzazione del territorio segnata di abusi e violazioni, con interventi dei Carabinieri Forestali che hanno portato a multe e denunce ma che non hanno fermato chi vuole privatizzare sentieri e boschi, chi ha chiuso sentieri pubblici storici e ne ha realizzati ex novo o ampliati altri senza permesso per trasformarli in autostrade di accesso a Galenzana.

Ora chiediamo anche al Parco Nazionale di ritirare i nulla-osta concessi e di bloccare ogni tipo di attività nell’area di Galenzana/Capo Poro fino a che non saranno risolti i contenziosi messi in atto dalla proprietà. L’atto del Comune mette fine a una prepotenza intollerabile e dovrebbe essere da esempio anche per le altre istituzioni coinvolte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"