Le iniziative dell’ANPI dell’Isola d’Elba per il 25 aprile

La presentazione di un libro e la passeggiata della memoria. Il programma

La festa della Liberazione dal nazi-fascismo, quest’anno, ricorre in un momento drammatico per una parte della popolazione europea, flagellata da una guerra di cui si stenta a scorgere la fine. Per questo motivo l’ANPI Isola d’Elba ha deciso di dedicare due iniziative volte a corroborare nella cittadinanza una salda cultura della pace, attraverso la riflessione memoriale e storica.
Venerdì 22 aprile, alle ore 16,00, presso la Sala della Gran Guardia a Portoferraio, per la quale si ringrazia la Pro Loco Portoferraio, verrà presentato il libro di Giovanni Brunetti “Oberdan Chiesa. Un uomo, una vittima, un mito”
con la partecipazione dell’autore e della direttrice dell’Istoreco Livorno Catia Sonetti. Il volume affronta un nodo tragico della guerra di Resistenza, che fu anche guerra civile, in area labronica: la condanna a morte per rappresaglia del
giovane partigiano comunista Oberdan Chiesa e delle difficoltà con cui il ricordo di questa triste vicenda si affermò nel secondo dopoguerra.
Lunedì 25 aprile, alle ore 15, l’ANPI Isola d’Elba vi da appuntamento davanti al Palazzo della Biscotteria di Portoferraio per una passeggiata della memoria e della pace nel centro storico del comune elbano con la guida Giacomo Luperini.
La passeggiata prevede sette tappe che individuano sette nodi storici (Elba anarchica e socialista; l’avvento del fascismo; lo scoppio della guerra; i giusti elbani; 8 settembre 1943; Liberazione; dopo il fascismo) e sette personaggi
simbolici. Attraverso il racconto di Giacomo Luperini proveremo a dare spessore a una riflessione memoriale sui segni che la guerra ha lasciato sul territorio. Un tentativo di sensibilizzare la cittadinanza, nel giorno della Liberazione dal nazi-fascismo, al valore fragile della pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

25 aprile, Marciana celebra davanti ai suoi monumenti

Corone d'alloro saranno deposte a Marciana, Poggio e Pomonte. La riflessione