La lettera

“La proposta di unire Bagnaia è un’idea da praticare”

di Sergio Bicecci

Sergio Bicecci

Qualche settimana fa, in una bella mattinata di sole, per ingannare un po’ di tempo, sono andato con un amico a Bagnaia dove non mi spingevo da molto tempo. Ero, in verità, incuriosito dalla notizia che qualche giorno prima, la stessa località, era stata oggetto di un atto vandalico a danno della casa del Pescatore. L’impatto con quell’angolo di paradiso fu la sensazione, comprensibile con la stagione invernale, di un villaggio abbandonato. Pensavo che avremmo potuto gustarvi un caffè ammirando proprio sullo sfondo, oltre il tratto di mare, lo sky line di Portoferraio. Delusione il Bar era chiuso. Una silenziosa passeggiata sulla spiaggia mi ha riportato alla mente un caro amico medico scomparso e la sua barca alla boa. Ancora di più il ricordo, ormai antico e per la verità un po’ offuscato, di un vecchio Cantiere Navale nel quale fu costruito un peschereccio, situato proprio nella parte sinistra della spiaggia. Altri tempi. Finalmente, prima di lasciare Bagnaia, un gradito scambio di convenevoli con una persona ormai avanti con gli anni particolarmente interessata al motivo della nostra visita, evidentemente scambiandoci per turisti. Dissi che no, non eravamo turisti ma vecchi portoferraiesi. Fu allora che emerse il vero problema sentito e sofferto dai residenti di quella ridente località. Bagnaia è come sappiamo una parte del Comune di Rio, ma è divisa circa a metà con il Comune Capoluogo. I rari interventi di uno dei due Enti, graditi o meno, non trovano continuità nell’altro creando una vera e propria discrasia. Tutto vero e facilmente comprensibile. Ecco che allora riprendo la proposta del sindaco di Rio (ex Rio Marina e Rio Elba) al Sindaco di Portoferraio per un progetto di gestione unitaria di quella gradevole Località. Penso che la proposta, se condivisa e che desse esito ad un progetto che comprendesse le due semi zone, sarebbe una buona cosa per i residenti e per i turisti che numerosi vi soggiornano in estate. Emergeranno sicuramente i tradizionali aspetti campanilistici. Vale la pena parlarne e se possibile andare oltre, cosa che farò in queste righe. Più Comuni ormai, uniscono le forze e condividono progetti vari e servizi, ad esempio la Polizia Locale, la cura del verde etc. Migliorano così i bilanci, si semplificano bandi per assunzioni alle cui graduatorie è possibile attingere. Trovo edificante fare queste esperienze e verificarne l’utilità e i risultati ottenuti. Mi sembrerebbe anche corretto attenersi a questo metodo prima ancora di pensare alla fusione di due o più Comuni. Con il passare del tempo si limerebbero così quelle menti campanilistiche predominanti che ancora persistono e fanno cultura. Di giorno in giorno è sempre più evidente la necessità di semplificare, snellire, sburocratizzare. Amo pensare, confidando nelle giovani leve che questo potrebbe essere il futuro della nostra Isola. E’ vero molte menti devono ancora maturare l’idea, ma in attesa, con molta pazienza, forse sarebbe opportuno cominciare a spianar loro la strada. Continuando do una spinta alla fantasia riuscendo a immaginare uniti in un solo territorio il Comune di Rio con Portoferraio. Così che Rio, con la frazione di Cavo, che è ormai un piccolo paese, occupa tutta la costa che da Capo della Vita con una strada percorribile, attraverso Nisporto, Nisportino e Bagnaia, dove soggiorna in estate Bebe Vio, si congiunge a Portoferraio. In alternativa e a maggior ragione da Rio via Volterraio. Perimetrando così tutto il lato est del golfo e dando vita ad un unico Ente che rappresenterebbe come numero di abitanti circa la metà dell’intera Isola, e avrebbe nel suo territorio i tre unici Porti di accesso all’Elba. Ne varrebbe la pena? Io non lo so, è soltanto una fantasia e l’argomento va oltre le mie competenze. Ai posteri!
S. Bicecci 12 aprile 2022

Una risposta a ““La proposta di unire Bagnaia è un’idea da praticare”

  1. Ci vorrebbe che al comune unico di Rio con l’accoppiata della località Bagnaia di Portoferraio si attiva anche il referendum per l’unificazione con il comune stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Upim, mercoledì 18 maggio l’inaugurazione del nuovo store

Un ulteriore tassello alla riqualificazione del Parco Commerciale delle Antiche Saline

La Torta di Napoleone offerta al giro podistico elbano

Il dolce nel pacco gara  atleti. Vallini:” sempre più forte il legame fra il giro e l’isola”

Gabriella Allori si candida per un secondo mandato

La lista civica "Per crescere insieme" vuole così raggiungere gli obiettivi prefissati