La villa giallo -rosa? Nel 1815 era bianca, ecco la prova

Esplode sui social la discussione creata dal nostro articolo. Il commento di... Napoleone!

Lo stato attuale a confronto col dipinto del 1815

Hanno fatto molto discutere – anche a giudicare dai contatti riportati dal nostro articolo – i lavori che stanno per essere ultimati presso la Residenza Napoleonica di San Martino, a Portoferraio. In particolare la colorazione giallo-rossa della villa principale ha scatenato i commenti sui social, da parte di semplici utenti ma anche di persone che si possono considerare veri e propri addetti ai lavori nel campo della storia, dell’arte, dell’architettura.

In particolare ha acceso la discussione un post con un raffronto fotografico  pubblicato dall’architetto Paolo Ferruzzi: “Come hanno potuto mi chiedo. Su che basi…”, ha commentato Gloria Peria, esperta archivista e storica elbana.

“Non so chi sia il direttore dei lavori  – ha commentato l’archeologo Franco Cambi” – e non so se questo restauro risponda a studi e ricerche pregressi. Può essere che quella casa fosse effettivamente così ai primi dell’Ottocento. Anche qualora fossero stati quelli i colori originari, si potevano comunque scegliere dei toni meno elettrici. E non è detto che la filologia impugnata come una clava sia sempre la scelta giusta. Se, poi, non ci fosse stato nessuno studio a monte, allora sarebbe veramente grave”.

A fugare ogni dubbio su come fosse realmente la villa, ci ha pensato ancora Gloria Peria, pubblicando a sua volta un dipinto che ha ricordato essere  “La villa napoleonica di San Martino raffigurata da Giacomo Mellini nel 1815”. Il dipinto è quello che trovate nella foto allegata all’articolo, con il raffronto fra lo stato attuale e quello documentato da Giacomo Mellini

E l’ultima parola in calce al post di Ferruzi l’ha messa proprio… Napoleone, o meglio, l’attore che lo rappresenta in tutte le rievocazioni ufficiali, al secolo l’elbano Franco Giannoni: “Io come padrone di casa non sono stato interpellato”… Tanto per essere chiari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"