Il giocatore di carte che ha tagliato la tamerice ai Magazzini

di Legambiente Arcipelago Toscano

Una nostra socia ci ha segnalato un o strano ma significativo e preoccupante episodio accaduto la mattina del 30 giugno  ai Magazzini, nel Comune di Portoferraio: mentre lei e due amici erano sulla spiaggia a prendere il sole e a fare il bagno, è arrivato un altro gruppetto di persone che a un certo punto ha deciso di giocare a carte all’ombra delle tamerici che orlano la costa e che ne sono una caratteristica paesaggistica e ambientale.

Uno dei signori. evidentemente giunto sulla spiaggia proprio con quell’intento, ha tirato fuori una sega è ha tagliato un  ramo sporgente di una tamerice che  gli impediva di piazzare all’ombra il tavolo per giocare a carte,

Alle rimostranze della nostra socia, che ha documentato con foto il taglio fresco appena fatto, il segatore di tamerici ha risposto che si facesse i fatti suoi e che lui faceva come gli pareva.

Il problema è che si sta parlando di piante protette in un’area pubblica e che quelle tamerici che infastidivano la comodità di una partita a carte forniscono ombra ai bagnanti che frequentano quella spiaggia, difendono la costa dall’erosione e rappresentano l’habitat e il rifugio di molti animali.

Invitiamo le istituzioni preposte ad evitare che altri incivili episodi del genere si ripetano e ad apporre una cartellonistica dedicata con le norme di comportamento sulle spiagge dell’area che va dai Magazzini a Schiopparello le Prade, per tutelare i magnifici esemplari di tamerici lungo tutta la costa.

3 risposte a “Il giocatore di carte che ha tagliato la tamerice ai Magazzini

  1. Elbano Rispondi

    Al giocatore di carte segaiolo non si può non augurargli tanta, tanta salute…

    6 Luglio 2024 alle 15:34

  2. Alessandra Rispondi

    Quello che ha tagliato la tamerici è un mentecatto. E visto come ragiona, se lo fa, é convinto che la terra sia sua. Abbiamo bisogno di,esseri così? Ovviamente la domanda è retorica.

    6 Luglio 2024 alle 14:42

  3. Franco Rispondi

    Andate a lavorare invece di fare le foto agli altri che è meglio! C’è bisogno e tanto…

    6 Luglio 2024 alle 12:56

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Legambiente: la “nave gialla” si mangia la spiaggia del Cavo

"Segnalazioni di cittadini e turisti, le onde anomale distruggono il ripascimento"