Goletta Verde: ancora inquinamento al Moletto del Pesce

Presentati da Legambiente i dati di bilancio sulla qualità delle acque toscane: le cifre

La Toscana in fatto di qualità delle acque non viene promossa a pieni voti. Il 65% dei campioni raccolti lungo le coste toscane da Goletta Verde è risultato fuori dai limiti di legge. In particolare, dei 20 campioni esaminati – di questi 15 sono stati prelevati in foce di fiumi o canali e 5 a mare – ben 13 sono risultati fuori dai limiti di legge alle analisi microbiologiche effettuate da laboratori specializzati sul territorio. 10 punti sono stati giudicati fortemente inquinati, in quanto i campioni superano di più del doppio i limiti normativi considerati, 3 invece hanno avuto il giudizio di inquinato. È quanto emerge in estrema sintesi dal bilancio finale di Goletta Verde che oggi ha presentato in conferenza stampa a Firenze i dati del monitoraggio delle acque in occasione della giornata conclusiva della sua tappa in Toscana. All’iniziativa hanno partecipato Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana, Stefania Di Vito, Portavoce Goletta Verde e Ufficio Scientifico Legambiente, Federico Gasperini, Direttore e responsabile acque Legambiente Toscana, Pietro Rubellini, Direttore Generale ARPAT e Marcello Mossa Verre, Direttore Tecnico ARPAT.
“Sono 38 anni che Goletta Verde monitora le coste e le acque italiane, e spesso accade che, anno dopo anno, i punti di campionamento attenzionati siano gli stessi – dichiara Stefania di Vito, portavoce di Goletta Verde e Ufficio Scientifico Legambiente. L’efficientamento del sistema di fognatura e depurazione delle acque deve diventare una priorità per le nostre istituzioni, sia per tutelare la salute dei cittadini e delle cittadine, ma anche per evitare di incorrere a nuove sanzioni dalla Comunità Europea. Sono infatti 4 le procedure di infrazione che pesano attualmente sull’Italia per la mancata conformità alla Direttiva Acque Reflue, una delle quali, risalente al 2004, è giunta fino alla sanzione pecuniaria. Abbiamo già pagato in bolletta sanzioni pecuniarie per oltre 142 milioni di euro e, se non corriamo ai ripari, questo numero crescerà velocemente”.
“Nonostante la situazione sia stazionaria rispetto allo scorso anno, le foci dei nostri fiumi (specie nella conurbazione apuo-versiliese) continuano a presentare forti criticità che non possono non preoccuparci – dichiarano Fausto Ferruzza e Federico Gasperini, rispettivamente Presidente e Direttore di Legambiente Toscana. – Le istituzioni devono lavorare per risolvere dei problemi che ormai sono diventati cronici. Da questo punto di vista, ci auguriamo che si inizi a migliorare da subito il sistema depurativo della Toscana, in modo tale da preservare concretamente la qualità delle nostre acque costiere”.
Secondo gli ultimi dati disponibili del MASE, relativi alle valutazioni di non conformità espresse dalla Commissione Europea, in Toscana sono ancora 51 gli agglomerati in procedura d’infrazione per la depurazione. Un numero, questo, che potrebbe ridursi sensibilmente, qualora la Commissione valutasse positivamente le dichiarazioni di conformità di 45 di questi agglomerati, come risulta dalla Relazione Annuale del Direttore Generale sul Servizio Idrico Integrato in Toscana del 30 settembre 2023. Se così fosse, il numero di agglomerati non conformi scenderebbe a 6.
Nel PNRR sono stati individuati interventi di ammodernamento delle reti fognarie italiane e di adeguamento dei sistemi di depurazione che andranno, in parte, a sanare queste non conformità, in parte a costruire nuove infrastrutture ove prima mancavano. Il decreto ministeriale del 9 agosto 2023 individua 176 progetti che riceveranno il finanziamento dei fondi stanziati. Per la regione Toscana, in particolare, sono 9 gli interventi ammessi a finanziamento, che renderanno conformi complessivamente circa 59.000 abitanti residenti. In particolare, 6 di questi interventi andranno ad agire su situazioni in infrazione, mentre uno è dedicato a un tema rilevante: quello del riuso delle acque reflue (depuratore di Campo alla Croce di Venturina, in provincia di Livorno).
Il dettaglio delle analisi di Goletta Verde
I campionamenti in Toscana sono stati effettuati dai volontari e le volontarie di Legambiente tra il 17 e il 19 giugno 2024. Le analisi sono state eseguite da due laboratori individuati sul territorio: Idroconsult Laboratori Riuniti Srl di Calenzano (Firenze) e Bioconsult di Follonica (Grosseto).
Andando nel dettaglio, tutti e quattro i punti in provincia di Massa Carrara sono risultati fortemente inquinati: la foce del torrente Carrione alla Marina di Carrara, il torrente Lavello in località Partaccia e il fiume Brugiano verso la località Ronchi, entrambi nel comune di Massa, la foce del fiume Versilia in località Cinquale, a Montignoso. Stesso giudizio per entrambi i punti in provincia di Lucca, alla foce del fosso Fiumetto a Marina di Pietrasanta e del fosso dell’Abate al Lido di Camaiore. Inquinato è risultato il prelievo effettuato alla Marina di Pisa, alla foce del fiume Arno, mentre fortemente inquinato risulta quello alla foce del canale scolmatore in località Calambrone, sempre nel comune di Pisa.  In provincia di Livorno, sulla terraferma, è risultato entro i limiti il punto alla foce del fiume Cecina nell’omonimo comune e fortemente inquinato il punto preso a mare, antistante allo scarico di via Salivoli, alla marina di Salivoli, Piombino.
Sono 6 i punti in provincia di Grosseto, due di questi risultati fortemente inquinati, la foce del Gora a Follonica e la foce del fosso Tagliata Etrusca, ad Ansedonia; la foce del fiume Osa a Fonteblanda, nel comune di Orbetello, ha ricevuto il giudizio di inquinato, mentre sono risultati entro i limiti i punti alla foce del Bruna a Castiglione della Pescaia, la foce del fiume Albegna alle Bocche di Albegna, nel comune di Orbetello, il campione prelevato in spiaggia, di fronte al canale, tra le località Poggio Pertuso e Cala Galera nel comune di Monte Argentario.
All’Isola d’Elba, dopo un paio di anni di dati positivi è risultato nuovamente inquinato – anche se non a livelli altissimi come nel passato – il campione prelevato sul lato portuale del Moletto del pesce a Marciana Marina, risultano entro i limiti gli altri prelievi, effettuati alla foce unica dei fossi di Mola (che negli anni precedenti aveva dato continui fuori norma), a Capoliveri, al fosso della Madonnina, in località Punta della Rena a Portoferraio (che nel 2023 era risultato fuori norma) e alla foce del fosso Galea/La Pila, in località La Foce a Campo nell’Elba.
Comune
Provincia
Località
Nome del punto
Giudizio 2024
Carrara
Massa Carrara
Marina di Carrara
Foce torrente Carrione
Fortemente inquinato
Massa
Massa Carrara
Partaccia
Foce torrente Lavello
Fortemente inquinato
Massa
Massa Carrara
Tra la Partaccia e i Ronchi
Foce fiume Brugiano
Fortemente inquinato
Montignoso
Massa Carrara
Cinquale
Foce fiume Versilia
Fortemente inquinato
Pietrasanta
Lucca
Marina di Pietrasanta
Foce fosso Fiumetto
Fortemente inquinato
Camaiore
Lucca
Lido di Camaiore
Foce fosso Abate
Fortemente inquinato
Pisa
Pisa
Marina di Pisa
Foce fiume Arno
Inquinato
Pisa
Pisa
Calambrone
Foce canale Scolmatore
Fortemente inquinato
Cecina
Livorno
Marina di Cecina
Foce fiume Cecina
Entro i limiti
Piombino
Livorno
Marina di Salivoli
Foce/scarico Salivoli
Fortemente inquinato
Follonica
Grosseto
Follonica
Foce fiume Gora
Fortemente inquinato
Castiglione della Pescaia
Grosseto
Castiglione della Pescaia
Foce fiume Bruna
Entro i limiti
Orbetello
Grosseto
Fonteblanda
Foce fiume Osa
Inquinato
Orbetello
Grosseto
Bocche di Albegna
Foce del fiume Albegna
Entro i limiti
Monte Argentario
Grosseto
Poggio Pertuso – Cala Galera
Spiaggia fronte canale
Entro i limiti
Ansedonia
Grosseto
Tagliata Etrusca
Fosso Tagliata Etrusca
Fortemente inquinato
– Isola d’Elba –
Capoliveri
Livorno
Mola
foce unica dei fossi di Mola
Entro i limiti
Portoferraio
Livorno
Punta della rena
fosso della madonnina
Entro i limiti
Marciana Marina
Livorno
Spiaggia presso moletto del pesce lato porto
Inquinato
Campo nell’Elba
Livorno
la foce
Foce fosso Galea la Pila
Entro i limiti
Giunta alla 38esima edizione, Goletta Verde pone l’attenzione su diverse tematiche estremamente attuali come la depurazione, la lotta alla crisi climatica, la salvaguardia della biodiversità e la lotta alle illegalità. L’eolico off-shore sarà ancora una volta protagonista di alcune tappe per porre l’attenzione sulle energie rinnovabili e la transizione energetica, perché senza l’energia prodotta dal vento sarà impossibile raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione al 2030. L’eolico è fondamentale per la lotta contro l’emergenza climatica, la riduzione dei costi in bolletta per famiglie e imprese e la creazione di nuovi posti di lavoro.
La campagna itinerante è realizzata con le partnership principali di ANEV, CONOU, Novamont e Renexia, e la media partnership de La Nuova Ecologia.
Nel corso della tappa toscana tra le tante iniziative svolte c’è stata anche l’esercitazione mattutina dei Tartadog, unità cinofile – le prime nate in Italia e in Europa in maniera strutturata – specializzate nel cercare nidi di tartaruga e metterli in sicurezza al debutto in questa stagione estiva. Nella cartella stampa le foto scattate sulla spiaggia di Calambrone dove si è svolta l’iniziativa.
Il monitoraggio scientifico 
I prelievi di Goletta Verde vengono eseguiti da tecnici, volontari e volontarie di Legambiente. L’ufficio scientifico dell’associazione si è occupato della loro formazione e del loro coordinamento, individuando i laboratori sul territorio. I campioni per le analisi microbiologiche sono prelevati in barattoli sterili e conservati in frigorifero, fino al momento dell’analisi, che avviene lo stesso giorno di campionamento o comunque entro le 24 ore dal prelievo. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli). Il numero dei campionamenti effettuati viene definito in proporzione ai Km di costa di ogni regione.
LEGENDA
Facendo riferimento ai valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) i giudizi si esprimono sulla base dello schema seguente:
INQUINATO = Enterococchi intestinali > 200 UFC/100 ml e/o Escherichia coli > 500 UFC/100ml.
FORTEMENTE INQUINATO = Enterococchi intestinali > 400 UFC/100 ml e/o Escherichia coli > 1000 UFC/100ml.
Qui la mappa interattiva del monitoraggio, 
con i punti di campionamento e i risultati delle analisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Quinta nidificazione di tartaruga marina a Pianosa

Ancora a Cala Giovanna. Nell’isola protetta quasi la metà delle nidificazioni in Toscana

Marciana Marina diventa capitale dell’Isola delle tartarughe

20 e 21 luglio: arte, trekking, immagini e scienza alla scoperta della biodiversità dell’Elba