Capoliveri

Autorə in Vantina, il via della quarta edizione

Per il terzo anno consecutivo Vera Gheno. Venerdì 14 giugno, alle ore 21:30

Primo appuntamento in piazza della rassegna letteraria Autorə in Vantina, giunta quest’anno
alla quarta edizione. Venerdì 14 giugno 2024, alle ore 21:30, nell’anfiteatro La Vantina a
Capoliveri tornerà per il terzo anno consecutivo Vera Gheno, accompagnata questa volta
dagli interventi di Camilla Moretti, studentessa di lettere.
Sociolinguista, traduttrice e ricercatrice universitaria, Vera Gheno è ormai un’ospite fisso
della rassegna, la quale deve alle sue osservazioni sul “linguaggio ampio” il mutamento in
schwa del proprio nome (dall’iniziale Autori in Vantina si è passati all’attuale Autorə in
Vantina); se non anche, pur se indirettamente, la svolta radicale operata da qualche anno a
questa parte riguardo alla scelta dei libri e degli ospiti.
Presenta il suo ultimo: “Grammamanti. Immaginare futuri con le parole” (Einaudi, 2024),
ennesima operazione editoriale nata da un precedente monologo teatrale nella quale la
lingua e i problemi relativi al suo utilizzo sociale vengono raccontati dal punto di vista di
un’innamorata.
Gheno si dichiara infatti “grammamante”, coniando un neologismo in contrapposizione
all’iperbolico “grammarnazi” utilizzato dai puristi e conservatori della lingua.
Le parole, per lei, sono entità viventi, capaci di dare e ricevere amore. Non sono “sacre,
immobili, immutabili”; così come d’altra parte non lo sono le ormai celebri e simboliche
soluzioni proposte per rendere inclusiva la lingua. E infatti, pur sempre preoccupata di
riuscire a scrivere “in modo non solo grammaticalmente corretto […] ma anche rispettoso
delle persone”, in accordo al modo amoroso e quindi dolce di porsi nei confronti del suo
oggetto di studio, Gheno rinuncia in questo libro a “performare correttamente l’inclusività”,
evitando che le ricadute del suo discorso diventino “parte della norma”.
Ovvero, il mutamento non deve sostituire una “lista di prescrizioni” a un’altra.
Amore coincide dunque con libertà?
Lei stessa confessa in apertura di non aver abusato di soluzioni formali, spesso “inutilmente
farraginose” (quali la forma disgiunta o lo schwa), intese a sostituire l’inesistenza del neutro
nell’italiano.
Questo ancora per dire che, al di là di tutto, Gheno prova a consegnarci un libro incentrato,
sì, sulla lingua, ma soprattutto sull’amore.
Nel suo discorso, tra l’altro, appare chiara la differenza che passa tra una lingua viva e una
morta. Anche se in ogni struttura sociale, lingua compresa, tendenze conservatrici e
progressiste sono come due facce della stessa medaglia, che agiscono simultaneamente
(aspetto forse leggibile nella stessa definizione di linguaggio ampio data come “l’idea di un
universo linguistico in espansione, nel quale non si sostituisce e non si cancella nulla, ma si
aggiungono ulteriori modi per esprimersi”).
Non si dà infatti progresso senza opposizione conservatrice, ovvero senza il tempo della
riflessione; come non si dà conservazione senza spinta progressista, ovvero senza rottura
dei limiti identitari.
Così sembra essere anche nella lingua, luogo di coesistenza di passati, presenti e futuri.
Alcuni aspetti si modificano, altri restano immutati, altri ancora oscillano nell’incertezza, tanto
che immobilità, potenza e divenire, intrecciandosi e sovrapponendosi, si mostrano a tutti gli
effetti come abitanti lo stesso insieme di funzioni.

Angelo Airò Farulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

“Gramscic”, al cinema Metropolitan di Marciana Marina

Sabato 22 giugno alle ore 22:00 lo spettacolo della compagnia La Filastoccola

Campionato provinciale gara di pesca a traina a Cavo

Una giornata di sport, musica, cibo e tradizione. Il programma completo

Protti e Lucarelli al memoriale intitolato a Fabio Bardelloni

Un pomeriggio di Beach Soccer e in serata le interviste nella piazzetta dei delfini