Il Video e l'intervista

Filma l’interno del palazzo Coppedè e lo divulga su Youtube

L' "Urban exploration" mostra il degrado. Il comune stava già predisponendo la bonifica

Da qualche giorno su youtube gira un video registrato all’interno del palazzo Coppedè di Portoferraio. Il documento filmato mostra in modo inequivocabile la situazione dell’immobile visto dall’interno. Cumuli di spazzatura degrado che le immagini mostrano in modo crudo. Una realtà esistente da tempo. Il filmato è stato girato Urbex Elba- Urban exploration. “L’esploratore” non è nuovo a questo tipo di avventure ed ha prodotto altri video sempre con lo stesso tema. Immagini girate all’interno di strutture fatiscenti o abbandonate. Nel Palazzo Coppedè per realizzare il video, sono entrati in due ed hanno visitato i piani e le stanze mostrando i mucchi di spazzatura e di sporcizia che si trovano nel palazzo e la situazione degli appartamenti esistenti, alcuni dei quali, pur abbandonati “ si vedono chiusi alla bell’e meglio con lucchetti e attrezzi improvvisati. Nel filmato viene documentato anche il fatto che una famiglia vive all’interno del palazzo. Una situazione conosciuta, segnalata ormai molti e di cui il comune di Portoferraio è consapevole. Qualche mese fa fu annunciato l’interesse da parte di alcuni imprenditori ad acquistare il palazzo e trasformarlo. Notizia rimasta in stand by ed ora l’amministrazione si sta organizzando per un intervento, in collaborazione anche con le forze dell’ordine, per eliminare il problema e bonificare la struttura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il boato a Concia di Terra fa uscire studenti e professori

Ha tremato per alcuni secondi il tetto in plexiglass dell'edificio nuovo. Allertato il 112

E’ uno zifio il misterioso cetaceo spiaggiato agli Stecchi

Si tratta di un presenza molto insolita, non capita spesso di avvistarne uno. La storia

Niente Bandiera Blu per 2 giorni di ritardo? Non ci credo

di Gabriella Allori, sindaco di Marciana Marina