,

“Manca personale al servizio dialisi. Regione intervenga”

Forza Italia: "Si cerchi di garantire il servizio sull'isola nella stagione turistica"

“Si sta avvicinando la stagione estiva e purtroppo i problemi all’Isola d’Elba restano sempre gli stessi, anzi tendono ad aumentare. L’ospedale elbano registra una mancanza di personale in alcuni reparti, tra questi il reparto di Nefrologia-Dialisi, dove è rimasto in servizio un solo medico. D’estate l’Elba passa da una popolazione di 30.000 abitanti a circa 200.000, grazie ai flussi turistici. Ci chiediamo come faccia la sanità elbana a fornire servizi di dialisi ai villeggianti nefropatici, e come la Regione Toscana e l’Asl Nord Ovest intendano risolvere questo problema”. Lo chiedono l’on. Chiara Tenerini, il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella, che ha presentato un’interrogazione, e il coordinatore elbano di Forza Italia, Adalberto Bertucci.
“In passato – ricordano Stella, Tenerini e Bertucci – la Regione Toscana aveva avviato un progetto chiamato ‘Dialisi in vacanza’, per garantire la terapia anche ai malati in villeggiatura e consentire così ai pazienti nefropatici cronici che vivono in Toscana, nelle altre regioni e anche all’estero, di trovare il servizio di dialisi nelle località in cui trascorrono le ferie. Queste gravi carenze di organico nel reparto di Nefrologia dell’ospedale di Portoferraio comporteranno per molti turisti, pazienti nefropatici e quindi per i loro familiari, l’impossibilità a recarsi per le proprie vacanze estive all’Isola d’Elba. Per questo, chiediamo al Presidente Giani e all’Assessore Bezzini di coinvolgere le Asl per reperire gli specialisti che potrebbero garantire il servizio di dialisi all’Elba”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Candidati sindaci, diteci cosa volete fare col personale

Il sindacato CSA: "L’amministrazione uscente ha generato malcontento e disaffezione"

Medici in trasferta all’isola d’Elba, rifinanziato il progetto

Si cercano professionisti per un massimo di cinque settimane, in attesa dei concorsi