,

Rio, è decaduto il consiglio comunale. Si sono dimessi in otto

A breve la nomina di un commissario, che resterà fino alle prossime elezioni comunali

Il consiglio comunale di Rio è decaduto ufficialmente nella giornata di lunedì 16 gennaio. Questa mattina alle 9 otto consiglieri comunali hanno depositato al protocollo dell’ente un atto notarile con il quale si sono dimessi  dalla carica di consigliere comunale. In pratica si sono dimessi tutti i consiglieri eccetto il sindaco Marco  Corsini,il vice sindaco Valeria Barbagli  gli assessori Simonetta Simoni e  Mirco Mancusi. . La valenza formale dell’atto è lo scioglimento del consiglio comunale che a questo punto non potrà più riunirsi prima delle elezioni. Il significato è invece un vero e proprio atto di sfiducia e di protesta nei confronti del sindaco, che apre tutta una serie di scenari in previsione delle elezioni della prossima primavera.

A dimettersi contemporaneamente sono stati  in 8, su 13 consiglieri: 5 della minoranza (Umberto Canovaro, Mirco Giordani, Fortunato Fortunati, Cinzia Battaglia e Marcello Barghini) e 3 della maggioranza (Manuela Chiros, Rossana Braschi e Simona Cignoni); alle loro dimissioni si i sono aggiunte in seguito quelle di Mattia Gemelli, che aveva precedentemente  mantenuto il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale pur uscendo dalla maggioranza. Ma le sue dimissioni sono risultate inefficaci perché sono arrivate dopo che il segretario comunale  – a seguito di quanto precedentemente accaduto – aveva a termine di legge dichiarato sciolto il consiglio comunale. Le dimissioni  presentate contemporaneamente dalla maggioranza dei consiglieri  equivalgono   in sostanza in una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco, finalizzata espressamente allo scioglimento del consiglio e che quindi non dà luogo alla surroga dei consiglieri dimissionari (art. 141, comma 1, lett. b del Testo Unico degli Enti Locali). 

Si attende, ora, la nomina di un commissario prefettizio, che resterà in carica fino all’indizione delle prossime elezioni comunali, che avrebbero comunque interessato il Comune di Rio, dato che il mandato dell’ormai ex sindaco Marco Corsini era praticamente giunto al termine.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Legambiente contraria al progetto di gasdotto con l’Algeria

Il percorso dall'Algeria alla Sardegna fino a Piombino dannaggerebbe l'economia sarda

Sciopero dei benzinai, nessun impianto aperto sull’isola

Lo stop ai rifornimenti durerà fino alle 19 di domani. Bloccato anche il self-service

“Siamo noi e la cittadinanza ad essere stati traditi”

di Rossana Braschi, Manuela Chiros e Simona Cignoni