Biowatcher: cercasi volontari per tutelare la zona umida

Legambente organizza per il 21 gennaio un corso di formazione nell'aula di Mola

Sabato 21 gennaio alle ore 15:00, all’aula VerdeBlu “Giovanna Neri” a Mola (lato Capoliveri) si terrà un corso di orientamento per chi vuole svolgere volontariato nella zona umida di Mola.

La fragilità di una delle ultime zone umide elbane e i recenti fatti di cronaca, con l’abbandono di rifiuti e interventi scriteriati in un ambiente protetto da leggi nazionali e direttive europee, rendono necessario aumentare la presenza di volontari.

Se sei interessata/o a fare qualcosa di concreto per l’ambiente questo è il momento di farsi avanti, con questo corso capirai quanto è come le tue azioni possono influire positivamente sulla conservazione di un luogo prezioso per tutti come la zona umida di Mola.

Inoltre per i più giovani sarà possibile convertire l’esperienza di volontariato in crediti formativi per la scuola.

Fare volontariato a Mola è un’occasione per gli appassionati di natura per scoprire quali e quanti organismi viventi sono presenti in questa zona, aumentare le proprie conoscenze in materia e condividere queste esperienze con chi visita la zona, ma anche per chi vuole cimentarsi in lavori di manutenzione e abbellimento e cartellonistica per dare un contributo alla tutela dell’ambiente.

Molte sono le cose che possiamo fare insieme venite a scoprirlo sabato 21 gennaio.

Programma dell’incontro:

Workshop cosa possono fare i volontari a Mola

Storia di Mola e attività svolte finora e criticità (Umberto Mazzantini)

Fauna: gli avvistamenti più interessanti, Importanza zone umide (Roberto Barsaglini)

Per info e iscrizioni 370 328 3801

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Fondazione Acqua dell’Elba presenta il programma di SEIF

Il festival dal 28 al 30 giugno è dedicato al mare e mette al centro le “Connessioni”

Quando all’isola d’Elba c’erano i fochi di San Giovanni

Il 23 giugno trekking urbano. L'iniziativa di Legambiente, Parco Nazionale e Proloco

Elba, fanalino di coda della sostenibilità nell’Arcipelago

I dati della ricerca di Legambiente sugli obiettivi di sostenibilità europei e italiani